Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Ti odio/Non lasciarmi: terapia efficace del disturbo borderline di personalità, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - psicoterapia

Ti odio/Non lasciarmi: terapia efficace del disturbo borderline di personalità

psicoterapia - 26/05/15 - 19:23

Il trattamento del disturbo borderline di personalità (DBP) può costituire un processo impegnativo e difficile. Molti terapeuti addirittura evitano questo tipo di pazienti. Altri ancora accettano di averne allo stesso tempo solo un numero limitato, per limitare lo stress.

Alcuni approcci terapeutici standardizzati, come la terapia dialettico-comportamentale e altri, hanno messo a punto protocolli e manuali-guida per aiutare il terapeuta a ottenere una certa continuità di efficacia del trattamento.

Borderline

Ma a differenza dei farmaci, che producono effetti generalmente prevedibili, l'interazione fra paziente e psicoterapeuta è più complessa. L'effetto di un farmaco è indipendente dalla farmacia che lo ha venduto. Lo specifico psicoterapeuta che fornisce il trattamento, tuttavia, pur seguendo alla lettera le istruzioni che trova nel manuale, può fare la proverbiale differenza.

Nel trattamento del DBP la sfida principale consiste nella contraddittorietà del paziente borderline.

Gli individui affetti da DBP attraversano momenti estremi di bianco/nero, tutto/nulla, buono/cattivo. Ciò ha portato alcuni clinici collocati sul versante biologista più estremo a rifiutare di riconoscere la legittimità di questa categoria diagnostica e a identificarla, semplicisticamente, in quella del disturbo bipolare.

Tuttavia, anche se possono esserci sovrapposizioni e anche se distinguere fra le due diagnosi può non essere semplice, esistono differenze importanti fra il disturbo bipolare e il disturbo borderline di personalità.

La più evidente è che, non a caso, il DBP è classificato come disturbo di personalità, mentre il disturbo bipolare no. E non si tratta di un semplice artificio di classificazione del tipo: "L'abbiamo fatto apposta". Sia perché è caratteristico dei disturbi di personalità in generale essere disturbi della relazione, sia perché, pur potendo un disturbo dell'umore come quello bipolare avere importanti ripercussioni sulla vita relazionale della persona, nei disturbi della personalità è proprio la vita relazionale a essere più marcatamente disfunzionale e patologica. La persona borderline non soffre solo di sbalzi di umore. La sua sofferenza riguarda aree come l'immagine di sé, la paura angosciante di essere abbandonato, l'incapacità a non idealizzare o svalutare gli altri, l'automutilazione. Il tutto pervaso da rabbia intensa e difficilmente controllabile.

Le qualità di un terapeuta efficace per il disturbo borderline di personalità devono includere altrettanta contraddittorietà. Questo principio è molto usato in terapia breve strategica, dove per curare contraddizioni e paradossi patologici il terapeuta ricorre ad altre contraddizioni e altri paradossi, ma terapeutici.

Ad esempio:

PuntoIl terapeuta deve essere direttivo, ma collaborativo. Con categorie di pazienti delicate come questa è difficile fare progressi senza la loro partecipazione attiva.
PuntoIl terapeuta esprime accettazione verso il paziente per come egli è ora, ma al tempo stesso lavora per stimolare ulteriore miglioramenti. Principio cardine in terapia dialettico-comportamentale.
PuntoIl terapeuta efficace emana fiducia in se stesso, ma accetta di avere limitazioni e riconosce i propri errori.
PuntoAltre caratteristiche di un terapeuta efficace nel trattamento del DBP comprendono: consapevolezza di sé, disciplina e resilienza per mantenere l'impegno nel seguire pazienti esigenti che possono presentare sfide notevoli. Capacità di mantenere la giusta proporzione delle cose e senso dell'umorismo, per proteggere se stesso. Altrettanto importante per il terapeuta è disporre di un solido sistema di supporto personale, come famiglia, amicizie extraprofessionali e la possibilità di consigliarsi con altri colleghi.

Bibliografia

Jerold Kreisman. 2015. BPD and the Effective Therapist. Psychology Today online.




Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it