Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Ti odio/Non lasciarmi: terapia efficace del disturbo borderline di personalità



Ti odio/Non lasciarmi: terapia efficace del disturbo borderline di personalità




Psicoterapia - 26/05/15

Il trattamento del disturbo borderline di personalità (DBP) può costituire un processo impegnativo e difficile. Molti terapeuti addirittura evitano questo tipo di pazienti. Altri ancora accettano di averne allo stesso tempo solo un numero limitato, per limitare lo stress.

Alcuni approcci terapeutici standardizzati, come la terapia dialettico-comportamentale e altri, hanno messo a punto protocolli e manuali-guida per aiutare il terapeuta a ottenere una certa continuità di efficacia del trattamento.

Borderline

Ma a differenza dei farmaci, che producono effetti generalmente prevedibili, l'interazione fra paziente e psicoterapeuta è più complessa. L'effetto di un farmaco è indipendente dalla farmacia che lo ha venduto. Lo specifico psicoterapeuta che fornisce il trattamento, tuttavia, pur seguendo alla lettera le istruzioni che trova nel manuale, può fare la proverbiale differenza.

Nel trattamento del DBP la sfida principale consiste nella contraddittorietà del paziente borderline.

Gli individui affetti da DBP attraversano momenti estremi di bianco/nero, tutto/nulla, buono/cattivo. Ciò ha portato alcuni clinici collocati sul versante biologista più estremo a rifiutare di riconoscere la legittimità di questa categoria diagnostica e a identificarla, semplicisticamente, in quella del disturbo bipolare.

Tuttavia, anche se possono esserci sovrapposizioni e anche se distinguere fra le due diagnosi può non essere semplice, esistono differenze importanti fra il disturbo bipolare e il disturbo borderline di personalità.

La più evidente è che, non a caso, il DBP è classificato come disturbo di personalità, mentre il disturbo bipolare no. E non si tratta di un semplice artificio di classificazione del tipo: "L'abbiamo fatto apposta". Sia perché è caratteristico dei disturbi di personalità in generale essere disturbi della relazione, sia perché, pur potendo un disturbo dell'umore come quello bipolare avere importanti ripercussioni sulla vita relazionale della persona, nei disturbi della personalità è proprio la vita relazionale a essere più marcatamente disfunzionale e patologica. La persona borderline non soffre solo di sbalzi di umore. La sua sofferenza riguarda aree come l'immagine di sé, la paura angosciante di essere abbandonato, l'incapacità a non idealizzare o svalutare gli altri, l'automutilazione. Il tutto pervaso da rabbia intensa e difficilmente controllabile.

Le qualità di un terapeuta efficace per il disturbo borderline di personalità devono includere altrettanta contraddittorietà. Questo principio è molto usato in terapia breve strategica, dove per curare contraddizioni e paradossi patologici il terapeuta ricorre ad altre contraddizioni e altri paradossi, ma terapeutici.

Ad esempio:

PuntoIl terapeuta deve essere direttivo, ma collaborativo. Con categorie di pazienti delicate come questa è difficile fare progressi senza la loro partecipazione attiva.
PuntoIl terapeuta esprime accettazione verso il paziente per come egli è ora, ma al tempo stesso lavora per stimolare ulteriore miglioramenti. Principio cardine in terapia dialettico-comportamentale.
PuntoIl terapeuta efficace emana fiducia in se stesso, ma accetta di avere limitazioni e riconosce i propri errori.
PuntoAltre caratteristiche di un terapeuta efficace nel trattamento del DBP comprendono: consapevolezza di sé, disciplina e resilienza per mantenere l'impegno nel seguire pazienti esigenti che possono presentare sfide notevoli. Capacità di mantenere la giusta proporzione delle cose e senso dell'umorismo, per proteggere se stesso. Altrettanto importante per il terapeuta è disporre di un solido sistema di supporto personale, come famiglia, amicizie extraprofessionali e la possibilità di consigliarsi con altri colleghi.

Bibliografia

Jerold Kreisman. 2015. BPD and the Effective Therapist. Psychology Today online.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni