Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Teorie divulgative sull'autostima non supportate da studi seri



Teorie divulgative sull'autostima non supportate da studi seri




Generale - 02/03/11

C'è una gran differenza fra la conoscenza dell'autostima basata sulla ricerca scientifica e le tante pseudo-teorie semplificate disseminate nei libri di self-help e nei i discorsi degli speaker motivazionali.

Capire la differenza è importante, perché un'autostima bassa si associa a un maggior rischio di problemi psichici come disturbi alimentari e depressione.

Gli operatori delle professioni che forniscono servizi sanitari dovrebbero avere ben presenti nozioni sull'autostima. Tuttavia, troppe sono le informazioni approssimative, non provate o sbagliate che si trovano in circolazione sull'argomento.

I libri divulgativi distinguono ad esempio fra autostima e fiducia in se stessi. E molti di essi lasciano intendere che sarebbe possibile migliorare l'autostima senza alcun legame con quanto le persone si percepiscono competenti nelle aree che considerano importanti.

Ciò è in stridente contrasto con i risultati di una ricerca pubblicata da M. Lindwall, del dipartimento di psicologia della University of Gothenburg, assieme a colleghi britannici, turchi e portoghesi.

"Ritengo importante che le persone abbiano un'idea più equilibrata di che cos'è realmente l'autostima" dice Lindwall. "I nostri risultati mostrano che l'autostima è legata più di ogni altra cosa alla percezione di competenza che le persone hanno di se stesse nelle aree che ritengono importanti".

Il rovescio della medaglia è che le persone sono più vulnerabili agli effetti di un'autostima bassa quando non riescono a essere o si sentono meno competenti nelle aree importanti.

"L'autostima è anche legata strettamente alla fiducia in se stessi e all'autopercezione di competenza in altre aree" aggiunge l'autore.

Lo studio sviluppa una delle teorie dominanti in questo campo, formulata più di 100 anni fa da William James. Essa afferma che l'autostima è in realtà il risultato del successo percepito, o competenza, in un'area, relativamente a quanto tale area è considerata importante.

La ricerca ha impiegato 1.831 studenti universitari provenienti da 4 paesi, focalizzandosi specificamente sull'autopercezione corporea. Ad esempio è stato indagato quanto i soggetti si considerassero forte e in buona forma fisica, e quanto credevano che il loro corpo fosse attraente.

"I risultati mostrano che l'autopercezione del corpo, soprattutto nelle aree ritenute importanti, è legata all'autostima generale. Il nostro studio, insieme a tante altre ricerche, dipinge un quadro dell'autostima completamente diverso e più complesso di quello delineato nei libri ad alta tiratura di divulgazione psicologica. Questi libri si basano spesso su racconti aneddotici e sull'esperienza di una sola persona anziché sulla ricerca sistematica. Il tema dell'autostima non è così semplicistico, altrimenti l'interesse destato dal concetto non sarebbe stato così grande".

Bibliografia

M. Lindwall, F. Hülya Aşçı, A. Palmeira, K. R. Fox, M. S. Hagger. 2011. The Importance of Importance in the Physical Self: Support for the Theoretically Appealing but Empirically Elusive Model of James. Journal of Personality.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni