Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Perché le donne non sanno accettare i complimenti, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - evoluzione

Perché le donne non sanno accettare i complimenti

evoluzione - 03/04/16 - 16:44

È abbastanza inusuale che una donna risponda con un candido "grazie" a un complimento. Ci avete mai fatto caso?

Immagine

In un divertente sketch (in inglese) di alcuni anni fa, alcune attraenti ragazze si incontrano per strada e si salutano facendosi l'un l'altra dei complimenti. Ma invece di ringraziare, ognuna risponde sospirando e auto-denigrandosi all'inverosimile:

«Volevo assomigliare a Kate Hudson e invece sembro una cacca di cane.»
«Stai scherzando? Sembro un marocchino! La gente mi ferma perché vorrebbe che vendessi loro dei tappeti.»
«Ma dai, ma se sembro una puttana!»

E così via.

Un gustoso pezzo di satira, un po' esagerato e che però lascia trasparire una dolorosa verità. E quando una di loro finalmente accetta un complimento, ringraziando gentilmente - concetto alieno all'interno di quel gruppo - le altre iniziano a uccidersi a vicenda.

Nella vita reale la furia omicida sarebbe più probabilmente sostituita con incredulità e malcelato disprezzo: «Ma che presuntuosa! Davvero ha accettato un complimento?»

Uno studio del 1990 ha trovato che per una donna poche cose sono terribili come l'essere considerata arrogante o troppo fiduciosa in se stessa da un'altra donna. Secondo la ricerca, solo il 22% dei complimenti dati da donne ad altre donne sono accolti con gratitudine. Tuttavia, prima di concludere che le donne sono del tutto incapaci di ricevere elogi, lo stesso studio ha trovato che il 40% di loro li ha accettati, se provenienti da uomini.

E non è questione di autostima. Entrambe le donne con bassa o alta autostima hanno difficoltà a riconoscere la propria magnificenza.

Secondo la psicologa sociale Laura Brannon, le donne con alta autostima rifiutano i complimenti perché vogliono apparire modeste e umili. La modestia, quel tratto culturale e religioso colpevole dell'ossessione sociale del coltivare un atteggiamento dimesso, viene inculcato alle donne fin dalla tenera età.

Nei paesi orientali ad esempio viene insegnato alle giovani donne che mostrando un atteggiamento remissivo si diventa più forti. Nascondi il tuo vero io per placare gli altri.

D'altra parte, le donne con bassa autostima rifiutano i complimenti perché cozzano con l'immagine che si portano dentro loro stesse, continua la Brannon. Ciò non è difficile da capire se si pensa che ovunque la donna sente la pressione di dover raggiungere standard impossibili di bellezza.

Eppure le donne andrebbero incoraggiate a imparare ad accettarli, i complimenti. In questo pezzo di Cosmopolitan, ad esempio, l'autrice ha trovato che rifiutare i complimenti indispone chi li porge: «Mi ha dato fastidio. Non ti avrei fatto un complimento se non l'avessi pensato davvero. Te l'ho fatto perché volevo che ti facesse sentire bene, ma quando l'hai respinto mi sono chiesta chi me l'avesse fatto fare. E a dirla tutta, respingendo un elogio mi fai pensare che in realtà, di complimenti, tu ne sia proprio a caccia».

Ciò che colpisce in questo scambio è che entrambe le donne pensano che l'altra sia insincera.

Sarebbe corretto dire che tutte le donne si comportano in questo modo? Certo che no. Ma c'è da sorprendersene? Nemmeno.

La chiave di questi comportamenti potrebbe averla la psicologia evoluzionista. È per l'appunto quando un uomo entra nell'equazione, che le maschere cadono. Esistono prove persino fisiche di ciò. Ricercatori della Florida State University hanno trovato che nella donna il livello di testosterone, l'ormone legato ad aggressività e competitività, aumentava annusando camicette di altre donne in fase ovulatoria.

Non tutte le donne vedono le proprie simili come minacce, ma sono quelle più belle le più letali. Un'altra ricerca, alla McMaster University, ha fatto entrare una ragazza attraente (ovviamente compare dei ricercatori) in una stanza insieme ad altre donne. Quando la nuova arrivata era vestita in jeans e maglietta, non suscitava quasi nessun commento da parte delle presenti, ma quando arrivava vestita in minigonna e camicetta attillata, praticamente tutte reagivano con commenti di ostilità e disprezzo.

Non è che le donne vogliano o si divertano a essere ostili le une con le altre. È semplicemente l'istinto a procreare che le spinge a entrare, senza che se ne rendano conto, in modalità ragazza-cattiva.

Potrebbe ciò spiegare come mai le donne abbiano difficoltà ad accettare complimenti?

Se siete donne, immaginate di complimentare una che è già bella di suo, e di sottolinearlo. Se questa vi rispondesse con un semplice e cortese "grazie", è probabile che la vostra reazione non sarebbe del tutto positiva. Lei non starebbe mentendo, eppure è probabile che vi piglierebbe male, come si dice. Perché una parte recondita della vostra mente, biologicamente predisposta in tal senso, vi direbbe che avreste un problema se entrambe foste innamorate dello stesso uomo. Ammettere candidamente: «Sì, sono bella» non farebbe altro che esacerbare gelosia e spirito di competizione. Ma se rifiutasse il complimento, potreste credere che lei non sa o non pensa di essere così attraente come in effetti è, e questo servirebbe a frenare le ostilità.

Bibliografia

Jen Kim, 2016. Why Women Can't Accept Compliments. Psychology Today online.




Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it