Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
L'evoluzione preferisce un numero inferiore di concorrenti



L'evoluzione preferisce un numero inferiore di concorrenti




Evoluzione - 17/09/15

Un nuovo studio dell'Università del Michigan ha scoperto che esisterebbe un delicato equilibrio riguardo al livello di concorrenza nelle strategie di presa delle decisioni. Un livello moderato di concorrenza porterebbe a risultati migliori di un livello di concorrenza alto.

Competizione!

Cosa significa? Che nelle situazioni che prevedono competizione fra vari candidati, quando tali candidati sono in numero ridotto aumenta la probabilità di miglior qualità dei risultati prodotti dalle decisioni prese, rispetto alle situazioni dove molti candidati sono coinvolti.

Un esempio sono le attuali elezioni presidenziali USA, con l'abnorme numero di 17 candidati alla presidenza. A prima vista si potrebbe pensare: più candidati concorrono, più aumentano le probabilità che uno di loro sia quello "giusto", con le carte in regola per prendere in mano il paese.

L'evoluzione però non è d'accordo.

Quando la concorrenza è tanta, infatti, gli esseri umani si sentono spinti a elaborare strategie decisionali rapide, che sacrificano la precisione sull'altare della velocità nel tentativo di arrivare prima dei concorrenti.

Le situazioni con basso livello di concorrenza, di contro, lasciano alle persone più tempo per studiare e sviluppare strategie in modo più considerato.

"Maggior competizione significa necessità di prendere decisioni rapide e meno precise" dice uno degli autori dello studio. "Per battere sul tempo tanti concorrenti, dobbiamo affidarci a informazioni minimali nel compiere le nostre scelte e di conseguenza è alto il rischio di produrre decisioni sub-ottimali".

Nel regno animale un esempio ci è dato dal granchio eremita (paguro). Man mano che cresce, questo animaletto deve cambiarsi la conchiglia con una più grande. Nelle aree scarsamente popolate, esso ispeziona accuratamente varie conchiglie prima di scegliere quella che fa per lui. Ma nelle aree affollate dai loro simili, i granchi incontrano le conchiglie vuote e decidono immediatamente di indossarle. Si creano addirittura comportamenti di accaparramento, dove i granchi si aggrappano gli uni agli altri per impossessarsi della conchiglia che sta per essere abbandonata da uno di loro.

Nelle corse presidenziali, questo fenomeno può essere osservato nell'elevata reattività per accaparrarsi visibilità nei media. La forte competizione spinge i candidati a commentare argomenti senza adeguata preparazione, al solo fine di arrivare prima degli altri. Tale impulso deriverebbe da pressioni evoluzionistiche, sostengono gli autori.

"Prendere decisioni affrettate quando infuria la competizione non è irrazionale. È segno che siamo in presenza di organismi evoluti che sanno quando basarsi su un'intuizione piuttosto che su dati affidabili, anche se ciò può portare a risultati sub-ottimali."

Bibliografia

Machines Like Us online. 2015. Evolution favors fewer candidates.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni