Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Perché bramiamo la creatività ma rifiutiamo le idee creative, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - lavoro

Perché bramiamo la creatività ma rifiutiamo le idee creative

lavoro - 01/12/11 - 18:59

La maggior parte delle persone vede la creatività come un bene prezioso, fino a che non si trova davanti un'idea creativa. Ciò accade perché la creatività non schiude solo nuove prospettive, ma genera anche senso d'incertezza.

La prossima volta che una vostra grande idea susciterà silenzio o imbarazzo nell'uditorio, potreste sentire non rabbia, ma compassione per i vostri colleghi. Una ricerca recente indica che molte persone non sanno nemmeno com'è fatta un'idea creativa e che la creatività, benvenuta come un agente positivo di cambiamento, in realtà fa storcere la bocca.

"Com'è che la gente dice di desiderare la creatività, ma in realtà spesso la rifiuta?" si è chiesto J. Gonçalo, assistente professore di comportamento organizzativo e coautore di una ricerca in via di pubblicazione sulla rivista Psychological Science. Lo studio riporta due esperimenti all'Università della Pennsylvania, condotti su più di 200 persone.

Risultati dello studio:
PuntoLe idee creative sono per definizione nuove, e la novità può far scattare un senso d'incertezza, con la quale la maggior parte delle persone non si sente a proprio agio.
PuntoLe persone respingono le idee creative in favore di quelle puramente pratiche, provate ed efficaci ("squadra che vince non si cambia").
PuntoLe prove obiettive che sostengono la validità di un'idea creativa non sono sufficienti a motivare le persone ad accettarla.
PuntoLe tendenze anti-creative sono così subdole che le persone non ne sono consapevoli, e ciò può interferire con la loro capacità di riconoscere le idee creative utili.

Ad esempio, i soggetti hanno mostrato una reazione negativa verso un ipotetico paio di scarpe da corsa dotate di nanotecnologia, in grado di accomodare lo spessore del tessuto per rinfrescare il piede e ridurre le vesciche.

Per smascherare le tendenze anti-creative, i ricercatori hanno usato una sofisticata tecnica usata per misurare le tendenze inconsapevoli, del tipo che le persone non vogliono ammettere, come il razzismo. I risultati hanno mostrato che anche se le persone dichiaravano di gradire le idee creative, in realtà le associavano inconsapevolmente a parole negative come "vomito", "veleno" e "agonia".

Gonçalo sostiene che tale tendenza faceva rifiutare ai soggetti le idee creative riferite a prodotti nuovi e di qualità.

"I nostri risultati si scontrano con una profonda ironia" scrivono gli autori. "Svelare l'esistenza e la natura di una tendenza anti-creativa può aiutarci a capire come mai le persone rifiutano le idee creative e avversano l'avanzamento scientifico malgrado ogni buona intenzione".

L'incertezza muove la ricerca e la generazione di idee creative, eppure è sempre l'incertezza che ci rende meno capaci di riconoscere la creatività, magari quando ne abbiamo più bisogno, scrivono gli autori.

Il campo della ricerca sulla creatività potrebbe dover spostare il suo centro d'attenzione dal trovare il modo migliore di generare idee creative in quantità verso l'identificare modi per aiutare le istituzioni creative a riconoscere e accettare la creatività.

Bibliografia

J. Gonçalo, J. Mueller, S. Melwani, 2011. Why we crave creativity but reject creative ideas. University of Pennsylvania, University of North Carolina.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it