Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Come si scoprono le bugie: la faccia tradisce le vere emozioni, ma in modo inaspettato, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - società

Come si scoprono le bugie: la faccia tradisce le vere emozioni, ma in modo inaspettato

società - 19/04/11 - 19:35

Come si fa a dire se qualcuno sta mentendo? Il viso tradisce la vera emozione del mentitore, ma non nel modo stereotipato che molti credono.

ImmagineLa moglie di Michael White era scomparsa. In un appello televisivo ai rapitori, scoppiò in singhiozzi mentre li implorava: "Mia moglie è una brava persona, non ha mai fatto male a nessuno. Se è con voi e vedete questo messaggio, aspettateci, vi troveremo". Liana White, la moglie, era in attesa di un bambino e i canadesi che assistettero a quell'appello non poterono fare a meno di commuoversi.

Tre giorni dopo, dei lampi di rabbia ruppero la tristezza rassegnata di Michael mentre parlava con i giornalisti. Disse che era così frustrato dalla lentezza delle indagini della polizia, che si sarebbe messo a cercare sua moglie da solo. Portò direttamente i volontari al corpo della moglie, in un fossato ai margini della città e fu subito arrestato.

Aveva mentito tutto il tempo. Michael White fu accusato di omicidio e di aver infierito sul cadavere della moglie dopo averla uccisa.

Ma come si fa a dire se qualcuno sta mentendo?

Il viso tradisce le emozioni di chi mente, ma non nel modo che crediamo. Non sono uno sguardo sfuggente, le perle di sudore sulla fronte o il naso che si allunga a tradire le vere emozioni. Piuttosto, l'espressione facciale che il mentitore si sta sforzando di mantenere si rompe per un breve istante, lasciando affiorare la vera emozione.

Quando il team d'investigatori analizzò il filmato dell'appello di White, un quadro alla volta, poté scorgere espressioni di rabbia e disgusto sul suo viso, senza che il pubblico commosso se ne fosse reso conto.

Dice Leanne ten Brinke, psicologa sperimentale: "La muscolatura del viso è complessa, molto più complessa che in qualunque altra parte del corpo. Ci sono alcuni muscoli del viso che non riusciamo a controllare e che non si possono attivare se non in presenza di un'emozione genuina. Non è proprio possibile".

Aggiunge S. Porter, psicologo forense: "Quando una bugia può avere conseguenze gravi, come l'ergastolo, la bugia viene sempre fuori. A differenza degli altri gesti e movimenti, non è possibile monitorare o controllare perfettamente ciò che accade sulla propria faccia".

In un esperimento del 2008, Porter e ten Brinke hanno mostrato alcune foto a dei partecipanti. Le immagini erano in grado di suscitare vari tipi di emozioni, ad esempio felicità (dei cuccioli che giocavano), paura (primo piano di un cane rabbioso con la bocca spalancata) o disgusto (una mano amputata). I soggetti erano stati istruiti a rispondere con espressioni emotive autentiche o contraffatte. Ad esempio, veniva detto loro di sorridere di fronte alla foto della mano amputata. Le loro reazioni sono state osservate, valutate e videoregistrate da altri osservatori che non potevano vedere le immagini osservate dai soggetti.

I 697 video risultanti sono stati poi analizzati un quadro alla volta, per un totale di più di 100.000 quadri.

I risultati hanno mostrato che nessuno dei partecipanti è stato in grado di falsificare alla perfezione le emozioni. Espressioni strane o fuori posto, come falsi sorrisi o battiti veloci delle palpebre su un viso che avrebbe dovuto essere triste, si sono manifestati con molta più frequenza quando i soggetti tentavano di mentire. Alcune emozioni sono più difficili di altre da contraffare: fingere la felicità è più facile del disgusto o della paura.

I ricercatori sono stati in grado di registrare le cosiddette microespressioni, come dei flash di vere emozioni che affioravano per 1/5° fino a 1/25° di secondo sul viso dei soggetti, quando venivano istruiti a mentire.

Il tema delle microespressioni è stato sfruttato dalla fortunata serie televisiva Lie to me, interpretata da Tim Roth e basata sul lavoro pionieristico di Paul Ekman sulle emozioni.

"Le espressioni sembrano come rompersi mentre l'altra espressione - quella vera - s'infiltra nel volto" dice ten Brinke. "Quando vediamo un'espressione così, dobbiamo porre delle domande per capire come mai la persona si sta sentendo in quel modo".

Gli autori hanno notato che molti di questi flash emotivi hanno luogo o nella metà superiore o in quella inferiore del viso. D'altra parte, piccole contrazioni si possono a volte avere anche nelle emozioni genuine, rendendo ancor più necessarie delle domande per chiarire cosa sta succedendo.

Smascherare le bugie è un'arte difficile nella quale molte persone, specialmente quelle motivate a riuscirci, non sono così brave.

Bibliografia

S. Porter, Leanne ten Brinke. 2008. Lying? The Face Betrays Deceiver's True Emotions, But In Unexpected Ways. Dalhousie University.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it