Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
I team dal brutto carattere risolvono meglio i problemi



I team dal brutto carattere risolvono meglio i problemi




Lavoro - 19/12/10

I manager che vogliono risultati migliori dai propri gruppi di lavoro dovrebbero lasciarli liberi di esprimere le emozioni negative. Nei team dove si condividono con gli altri le emozioni negative si condividono anche più informazioni e si ottiene una maggior solidarietà.

Molte organizzazioni cercano di far sì che i dipendenti controllino l'espressione delle emozioni negative e mostrino solo quelle positive. Tuttavia, un nuovo studio dimostra che questa potrebbe non essere la strategia migliore. Nei team dove si scambiano emozioni positive si ottengono risultati migliori nei compiti di tipo creativo, ma i compiti analitici e complicati sono risolti meglio dai gruppi dove si esprimono le emozioni negative.

L'esperimento consisteva nel far assistere a dei soggetti dei film dal tono allegro e felice oppure triste. Dopo, venivano loro sottoposti dei problemi da risolvere. I gruppi a cui erano stati fatti vedere i film tristi e a cui era stato permesso di discuterne, prima d'iniziare a risolvere i problemi, hanno ottenuto risultati migliori in difficili compiti analitici, anche migliori dei gruppi che avevano visto i film tristi ma a cui non era stato permesso discuterne. Una squadra può perciò trarre un vantaggio considerevole dall'esprimere le sensazioni negative.

Tali espressioni sono utili anche in alcune situazioni conflittuali. I ricercatori hanno dato ad alcuni gruppi l'impressione che il problema da risolvere fosse di natura relazionale, fra gli stessi componenti del gruppo. Nelle situazioni reali, conflitti di questo genere possono minare la collaborazione e la qualità dei risultati. Rendendo esplicite queste sensazioni negative, tuttavia, i gruppi sperimentali sono riusciti a superare più facilmente i blocchi.

È chiaro che il semplice lamentarsi non è una soluzione, anche condividere le emozioni positive ha i suoi vantaggi. I compiti creativi diventano più facili e i membri che si sentono meno sicuri ne sono influenzati in modo positivo.

Bibliografia

A. Klep. 2010. A team with a shared lousy temper is better at mental tasks. NWO (Netherlands Organization for Scientific Research).
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni