Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
I problemi relazionali



I problemi relazionali




Punto
Punto
Punto
Punto

(leggi anche gli altri articoli)

PuntoIntroduzione
Coppia e relazioni Quando ci troviamo in presenza di un problema relazionale, non sempre c'è qualcosa che non va nell'individuo. Gli individui possono stare bene, ma è la relazione ad ammalarsi. Ognuno dei due può essere in grado di condurre una vita soddisfacente ed equilibrata in altre situazioni, eppure non riuscire più a intendersi con l'altro.

È tipico in questi casi l'accusa reciproca e il far carico all'altro la colpa di tutto quanto. E a volte può essere arduo riuscire a sbloccare le difficoltà relazionali dall'interno della stessa relazione.

Questo è il motivo per cui può essere utile ricorrere all'intervento di una terza parte, un esperto abituato a individuare e correggere i comportamenti e gli atteggiamenti disfunzionali, per appianare le divergenze.

PuntoL'errore fondamentale della vita di coppia
La maggior parte dei problemi della coppia consiste in problemi di comunicazione. E se s'impara a comunicare nella coppia, sarà più facile comunicare con i figli, i genitori, i colleghi. Quanta infelicità, quante separazioni, quanti divorzi sono causati da una vita di coppia all'insegna del litigio continuo? Perché i piccoli attriti si trasformano così spesso nell'esasperazione quotidiana del "Tu non mi capisci"? (Nardone, 2005)

Se ci pensiamo un momento, ci renderemo conto che è raro litigare con un estraneo, mentre è più probabile trovarsi a litigare con persone alle quali siamo vicini.

Perché?

Perché nei confronti delle persone che conosciamo nutriamo aspettative precise. Ci aspettiamo che le persone alle quali siamo legati facciano delle cose per noi. Dagli estranei, invece, non possiamo esigere molto e quindi "manteniamo le distanze".

Questo concetto ben si esprime nel modo di dire: "Ehi, non prenderti troppa confidenza!", rivolto a coloro da cui gradiremmo una maggior deferenza.

Spesso la familiarità è un pretesto per lasciarsi andare a comportamenti o modi di fare che non ci permetteremmo mai in situazioni più formali. Naturalmente, essere aperti e distesi con le persone care è ciò che permette l'esistenza della vita di coppia e familiare. Ma spesso la relazione stabile diventa una scusa per la pigrizia, ci si dimentica dei bisogni dell'altro e si ricordano solo i nostri, che l'altro sarebbe chiamato a soddisfare.

Già 500 anni fa, Sir Francis Bacon ci ammoniva che: "Le cose tendono a cambiare in peggio, quando non vengono cambiate volontariamente per il meglio".

Perciò, ogni relazione dovrebbe essere considerata alla stregua di una pianta delicata, che dev'essere curata e coltivata di continuo per svilupparsi al meglio. E nella relazione, ciò si traduce nello sviluppare ed affinare le proprie abilità comunicative.

PuntoLa comunicazione di coppia
Pigrizia significa non solo dimenticare di prendersi cura dei bisogni dell'altro, ma anche dimenticare di fare piccoli sforzi per imparare a comunicare in modo più efficace.

Comunicare in modo efficace, all'interno della relazione significa due cose:

Puntoriuscire a esprimere i propri bisogni, desideri ed emozioni in modo da risultare comprensibile e accettabile per l'altro, attraverso le proprie parole e il proprio comportamento;
Puntocomprendere i bisogni, i desideri e le emozioni dell'altro attraverso le sue parole e il suo comportamento.

- "Mi ascolti? Mi stai ascoltando? Capisci quello che voglio dirti?"
- "Certo, è ovvio che ti sto ascoltando e che ti capisco, però è anche vero che..."
- "No, tu non mi capisci... veramente".

In questo brevissimo eppur così familiare brano di una qualunque comunicazione di coppia si celano una quantità di errori comunicativi e trappole per potenziali malintesi.

Vediamone alcuni.

Ad esempio, parlando di abilità comunicativa, se fossimo in grado di farci capire, non ci sarebbe bisogno di chiedere per tre volte di seguito se l'altro ci ascolta o ci capisce. Riusciremmo a capire se l'altro ci ha capiti.

D'altra parte "ti capisco" è una frase che andrebbe cancellata dal proprio vocabolario, o almeno usata con il contagocce. Dicendo "ti capisco" si afferma qualcosa d'importante senza però prendersi la briga di dimostrarlo. Dire "ti capisco" si può interpretare come: "Dovrei fare o dire qualcosa per dimostrarti che ti ho capita/capito. Ma siccome non mi va, ti dico semplicemente che ho capito". Ma questo è come offrire un assegno in bianco aspettandoci che ce lo accettino senza fare storie. Se l'altro vuole essere capito, forse ha qualcosa d'importante da dirci. E se è importante, forse gradirebbe che noi facessimo un piccolo sforzo per dimostrare d'averlo capito, oltre al semplice e sbrigativo "ti capisco".

"Però". Le parole "ma" e "però" hanno l'effetto pragmatico di negare tutto ciò che è appena stato detto. Quindi dire "ti capisco, però..." equivale a dire "non ti capisco". Anche se non tutti sono consapevoli di sfumature linguistiche come queste, chiunque ne percepisce intuitivamente il significato e vi reagisce di conseguenza. Quindi, tanto vale esercitarsi nel loro uso, per ottenere risultati migliori.

"Tu non mi capisci... veramente". Questo è uno dei tormentoni più in voga nelle incomprensioni di coppia, l'epitome di tutti gli errori comunicativi appena visti, una stupenda scorciatoia per far aumentare a livelli stellari un livello già alto d'incomprensione.

Se ci si abitua a vedere le cose da prospettive diverse, anche il linguaggio, ci si allena all'elasticità mentale. Se ci si esercita ad assumere un atteggiamento morbido nei confronti del nostro partner, si forma la capacità di tenere a bada le nostre reazioni impulsive. Se ci si sforza di usare un linguaggio arricchito da immagini evocative, si alimenta la nostra creatività.

In altre parole, attraverso l'esercizio dell'arte del dialogo costruiamo noi stessi sulla forma che è propria al dialogo, quella della collaborazione e dell'accordo. Essere in sintonia con gli altri; saper chiedere quello di cui abbiamo bisogno; esprimere le proprie emozioni; non farci violare da un interlocutore aggressivo ma saper reagire in modo vincente: conquistare tutte queste abilità non è facile ma non è nemmeno impossibile. Le possiamo catalogare tutte quante sotto la voce "comunicare".

Si tratta per prima cosa di svelare il funzionamento profondo del dialogo e in secondo luogo di esercitarsi, con pazienza (ce ne vuole molta), senza scoraggiarsi davanti alle difficoltà, senza aspettarsi dei risultati immediati. Ma se queste due regole vengono seguite, i risultati saranno assicurati (ib.).

PuntoSuggerimenti
Nella vita di coppia e familiare, così come per ogni traguardo, vale la regola dell'accumulo dei piccoli miglioramenti. Se ci si impegna ogni giorno a migliorare qualcosa della propria vita relazionale, per quanto piccolo, ci si troverà in breve tempo a raccogliere frutti insospettati.

A questo scopo vi sono molti libri disponibili, dai quali apprendere piccoli accorgimenti da usare quotidianamente e che possono tornare molto utili. Uno di questi è il già citato Correggimi se sbaglio, di Giorgio Nardone (2005), dalla lettura semplice e gradevole. Un altro più tecnico, un classico della letteratura sulla comunicazione, è Pragmatica della comunicazione umana, di Watzlawick e altri (1971).

Chiunque ha la possibilità, con un poco d'impegno di migliorare notevolmente la propria vita relazionale. Tuttavia, nei casi dove il tessuto comunicativo sia molto logorato, o perché i conflitti sono stati aspri, o perché questi si protraggono da molto tempo, può essere indicata una consulenza o una terapia di coppia.

Il consulente (o terapeuta) può rendersi conto in breve tempo dei comportamenti e delle comunicazioni disfunzionali che i partner mettono in atto, rendendoli evidenti, e spiegando le opportune manovre per porvi rimedio. Nel far ciò egli si comporta come un diplomatico impegnato ma neutrale, il cui obiettivo è ristabilire un clima di fiducia, istruire i componenti della coppia o della famiglia su ciò che è necessario fare e trasmettere la necessaria urgenza e motivazione affinché, una volta a casa, i suggerimenti ricevuti siano davvero messi in pratica.

(leggi anche gli altri articoli)


Bibliografia:

Nardone G, 2005. Correggimi se sbaglio. Ponte alle Grazie, Firenze.

Watzlawick P, Beavin J H, Jackson D D, 1971. Pragmatica della comunicazione umana. Astrolabio, Roma.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni