Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Perché non dovremmo amarci per quello che siamo, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - filosofia

Perché non dovremmo amarci per quello che siamo

filosofia - 03/10/16 - 17:46

L'importanza di amare se stessi è un ritornello diffuso da molti guru e libri di auto-aiuto.

Immagine

Ma un ricercatore di Harvard, Micheal Puett, sostiene che amarsi per ciò che si è, difetti compresi, può rivelarsi dannoso. Puett ha pubblicato quest'anno un libro sulla filosofia cinese e sostiene che gli antichi filosofi di questo paese avrebbero disapprovato con forza l'odierna propensione per l'auto affermazione.

La rivista online Quartz ha intervistato Puett sulle possibilità esistenti di applicare il pensiero filosofico alla vita di tutti i giorni. Cosa hanno da insegnarci i grandi pensatori del passato su lavoro e carriera? Le persone possono davvero cambiare? La filosofia può insegnarci qualcosa sulla ricerca del vero amore?

Gli studi sulla filosofia cinese di Puett si rivolgono, ad esempio, al dilemma se accettarci così come siamo oppure sforzarci di cambiare ed evolverci rispetto al nostro modo fondamentale di essere. E a proposito, esiste davvero un "modo fondamentale di essere"?

«Molti di noi danno per scontato che ciascuno dovrebbe guardarsi dentro, trovare il suo vero sé e provare ad aderirvi nel modo più completo possibile, vivendo in armonia con esso» dice Puett. «Ma ciò presuppone che noi avremmo un sé stabile».

Di contro, gran parte del pensiero filosofico derivato da Confucio vede il sé come un coacervo confuso prodotto dall'abitudine, più che come un'essenza interna definita. «Fin dalla più tenera età costruiamo dei modelli di risposta all'ambiente. Questi modelli si cristallizzano e diventano ciò che alcuni chiamano erroneamente personalità».

Pertanto, amando noi stessi e abbracciando ogni nostra idiosincrasia e difetto, non facciamo altro che rinforzare più che mai tali schemi comportamentali. Dal punto di vista dell'antica filosofia cinese raccontare a se stessi, ad esempio, che si è bravi a vedere l'insieme, ma meno bravi a maneggiare i dettagli, oppure che si ha la tendenza ad arrabbiarsi per le piccolezze, è la peggior cosa che potremmo fare.

L'idea che il sé sia in larga parte composto da rituali non riconosciuti la troviamo in Confucio e nei teorici che lo seguirono. Nello stesso periodo lo Zhuangzi, una raccolta dell'omonimo filosofo di scritti taoisti risalenti al quarto secolo A.C., saggiava i modi in cui ognuno può allenarsi a rompere e liberarsi da tali schemi.

A volte ci rendiamo conto di avere una cattiva abitudine e cerchiamo di comportarci in modo diverso. Ma la maggior parte degli schemi di comportamento che formiamo restano inconsapevoli e alcuni di essi, più insidiosi, possono essere i più dannosi.

Perciò questi pensatori affermano che dovremmo cercare sempre di variare i comportamenti. Ad esempio salutando le persone ogni volta in modo leggermente diverso. Non importa se ciò ci renda o meno "migliori", è la variazione che è importante.

«Iniziare a usare toni di voce leggermente diversi, guardare le persone in modo diverso» dice Puett. «Facendo ciò, ci si rende conto di quanto siamo degli animali abitudinari».

Sebbene questi concetti siano stati scritti più di duemila anni fa, alcune recenti scoperte nel campo della psicologia supportano la nozione che siamo davvero creature abitudinarie. Puett menziona uno degli ultimi lavori di Daniel Kahneman, Pensieri lenti e veloci - che analizza, fra le altre cose, il potere delle scorciatoie cognitive - come esempio di moderna corrispondenza psicologica all'antico pensiero cinese.

La raccomandazione di non amare né accettare pedissequamente ogni nostro difetto può sembrare fredda e persino nichilista. Ma il fatto è che l'immagine di un essere umano animato da un "vero sé" o dotato di "libero arbitrio" - libero poi da cosa, esattamente? - viene a essere progressivamente smentita.

L'unica costante della vita è il cambiamento. Vita significa e implica un cambiamento continuo. Tanto vale fare uno sforzo per adattarsi, perché solo ciò che riesce ad adattarsi riesce a sopravvivere. Come il surfista che non può immaginare di controllare le onde, può solo imparare a cavalcarle e, in tal modo, procedere verso riva.

Bibliografia

Olivia Goldhill, 2016. A Harvard philosopher's argument for not loving yourself just as you are. Quartz online.




Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it