Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Il doppio volto dell'empatia



Il doppio volto dell'empatia




Psicoterapia - 24/06/15

La definizione di empatia tratta dall'enciclopedia Treccani è: capacità di porsi nella situazione di un'altra persona o, più esattamente, di comprendere immediatamente i processi psichici dell'altro.

Sì, ma quali processi psichici?

Di solito si pensa che empatia sia sentire ciò che l'altro sente. Tu soffri e io soffro con te. Sei felice e anch'io lo sono. Tu mi spieghi ciò che stai provando a anch'io inizio a provarlo. Se sono una persona con buona capacità di empatia, quindi, l'altro si sentirà compreso. Diversamente, avrà l'impressione di trovarsi di fronte a una persona insensibile.

Empatia

Tuttavia, di recente Robert Eres e la sua equipe hanno coniato una doppia definizione per il termine empatia.

Da indagini cerebrali effettuate con tecniche di neuroimaging, infatti, sembra che esisterebbero una empatia emotiva e una empatia cognitiva.

La prima è quando sentiamo le emozioni di qualcun altro, mentre la seconda è quando lo capiamo intellettualmente.

Dice Eres: "Le persone con un'alta empatia emotiva sono quelle che si impauriscono facilmente assistendo ai film dell'orrore, o che si commuovono di fronte alle scene tristi. Quelle invece che hanno un'alta empatia cognitiva sono più razionali. Come ad esempio lo psicoterapeuta che sta trattando un paziente".

Le configurazioni del cervello che si riferiscono a questi due tipi di empatia sono differenti. Chi ha un'alta densità di materia grigia nell'insula - un'area appunto legata alle emozioni - avrebbe un'alta empatia emotiva, mentre chi ha una densità maggiore nella corteccia medio-cingolata avrebbe un'alta empatia cognitiva.

Un quadro, quindi, dove l'empatia è definita come costrutto multifattoriale ossia, in questo caso, formata da due fattori distinti e relativamente indipendenti. Sì, perché ognuno di noi conoscerà persone capaci di comprendere gli altri tanto sul piano emotivo quanto su quello razionale. O che non sono capaci né dell'una né dell'altra cosa. O più capaci in una e meno nell'altra.

In alcune professioni come quella di psicologo/psicoterapeuta, questa doppia capacità è importantissima: la componente emotiva per far sì che il paziente/cliente senta di essere capito, e quella razionale perché egli possa capire di essere capito e, ancor più importante, perché quest'ultima permette al terapeuta di capire il problema e poter intervenire di conseguenza.

Da questo punto di vista in terapia sono importantissimi i cosiddetti atti di restituzione, ossia rimandare contenuti e concetti che il paziente ha appena espresso. Sotto forma di parafrasi oppure tali e quali li ha forniti lo stesso paziente, ripetendoli addirittura parola per parola. In questo modo, la persona riceverà un feedback che gli darà la conferma di essere stata capita. Quando tali feedback sono forniti facendo uso anche di un'appropriata comunicazione non verbale, l'effetto sarà massimo, perché il paziente si sentirà capito su entrambi i fronti: quello emotivo del come e quello intellettuale del cosa.

Basandomi sulla mia esperienza personale di psicoterapeuta e utilizzando la distinzione evidenziata da Eres, direi che i terapeuti, quelli almeno che utilizzano un approccio attivo, devono essere capaci di mantenere il canale dell'empatia cognitiva (razionale) sempre ben aperto, tenendo tuttavia sotto controllo le briglie dell'altro, quello emotivo. Ciò per evitare di emozionarsi troppo e non poter più aiutare la persona che si ha di fronte!

Fonti:
Robert Eres et al. 2015. Individual differences in local gray matter density are associated with differences in affective and cognitive empathy. NeuroImage (su ScienceDirect online).

Enciclopedia Treccani online.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni