Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
La spirale dell'odio



La spirale dell'odio




Società - 19/06/15

È successo di nuovo. Un altro folle ha compiuto l'ennesima strage, in un paese dove la facilità di entrare in possesso di armi da fuoco è quasi proverbiale.

Tuttavia, oltre a etichettare Dylann Roff banalmente come uno squilibrato, se volessimo scendere più nel dettaglio di ciò che può spingere le persone a compiere atti simili, cos'altro si potrebbe dire?

Tipicamente questi individui entrano in una spirale crescente di rabbia e desiderio di vendetta, come quella descritta di seguito.

Dylann Roff

Punto1. Percezione di essere vittima di ingiustizia e umiliazione.

Si tratti di realtà o immaginazione, queste persone percepiscono il mondo come se stesse dicendo loro: "Sei uno stupido", "Sei brutto", "Sei un debole", "Non sei nessuno" ecc.

Punto2. Isolamento.

Percependo il mondo come ostile, queste persone iniziano a ritirarsi. Ma via via che ciò accade diventano sempre più preda del processo immaginativo e dei pensieri sopra descritti.

Punto3. Agitazione.

Come conseguenza al sentirsi minacciati, si fa strada in loro il desiderio di vendetta, di "fargliela pagare". Iniziano perciò a pianificare un modo oppure a mettere già in atto dei primi tentativi di vendetta.

Punto4. L'ultima goccia.

Spesso è possibile individuare un evento, magari di poca importanza dal nostro punto di vista, ma che per la persona in questione, dato l'accumularsi dei pensieri sopra e del sentirsi sotto attacco, crea ciò che può essere definita una lobotomia morale. A quel punto l'individuo reagisce con un atteggiamento "occhio per occhio" e, soprattutto, in grado proporzionale alla grandezza percepita del torto subito. E decidono di vendicarsi.

Punto5. Diminuito controllo degli impulsi.

Sotto l'effetto di alcol e/o sostanze, diventa fin troppo facile sbarazzarsi dell'ultimo residuo di freni inibitori e passare all'azione.

Bibliografia

Mark Goulston. 2015. Hacking Hatred - What Drives People to Hate and Kill. Psychology Today online.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 14/08/18
Video 28/06/18
Media 07/03/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni