Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Resilienza: la forza di andare avanti, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - depressione

Resilienza: la forza di andare avanti

depressione - 04/06/15 - 18:45

In un discorso all'Università di Yale (*) tenuto pochi giorni fa, l'attuale vice-presidente USA Joe Biden ha parlato di leadership, compassione e resilienza, ovvero la capacità di rialzarsi e andare avanti malgrado le avversità. Ha raccontato di come ha dovuto trovare la forza di rimettere insieme i pezzi della sua vita, ancora giovane senatore, quando sua moglie e il loro figlio neonato morirono in un incidente d'auto, mentre gli altri due figli sopravvissero e gli diedero la forza di continuare.

Immagine

Ciò che quegli studenti ignoravano, però, è che tenendo quel discorso il vice-presidente stava impersonando un ulteriore, stupefacente esempio della stessa resilienza. Lui sapeva, ma non i suoi ascoltatori, che a uno di quei due figli sopravvissuti tanti anni prima restavano pochi giorni di vita a causa di un tumore al cervello. Si è poi spento a 46 anni, il 30 maggio, pochi giorni dopo il discorso.

Come può esistere tanta resilienza, di fronte a tanto dolore?

Parlando del proprio passato, Biden chiarisce di essersela guadagnata a caro prezzo. In un precedente discorso del 2012, infatti, confessava di capire perfettamente come qualcuno possa lucidamente, freddamente decidere di commettere suicidio.

La resilienza dunque non è un tratto di carattere fisso. È qualcosa che ognuno di noi può sviluppare, pur senza sperare di dover essere messi mai alla prova.

Ecco alcuni modi in cui possiamo sviluppare la nostra resilienza.


Punto1. Accettare che non possiamo ingannare il dolore

Mr. Biden ha una frase che riassume bene la sua filosofia di vita e che ha voluto condividere con gli studenti di Yale: "La vita ha un suo modo di intromettersi". Serve per ricordarsi che per quanto si possa riuscire a strutturare la propria vita o per quanto possano essere grandi i nostri sogni e speranze, il controllo è e resta un'illusione. Dobbiamo accettare che non possiamo anticipare e prevenire ogni dolore. Ma possiamo imparare a gestirlo quando arriva.


Punto2. Coltivare le relazioni

Le relazioni che abbiamo sono il tessuto della nostra resilienza. Biden lo esprime così agli studenti: "Ho avuto l'incredibile fortuna di avere una famiglia estesa, radicata nell'amore e nella lealtà, permeata del senso del dovere in ognuno di noi. Non solo ho ricevuto aiuto, ma dedicandomi ai miei figli ho potuto redimermi." Coloro che non dispongono di solidi legami familiari o sociali dovrebbero darsi da fare per crearne. Anche tramite gruppi di supporto, terapia o facendo del volontariato, essendo l'aiuto al prossimo un modo testato ed efficace per trovare conforto noi stessi.


Punto3. Riconoscere le proprie emozioni

Negare il dolore o cercare altre vie per sedarlo, ad esempio con l'uso di alcol o farmaci, può fornire al massimo un sollievo temporaneo. Ma può anche aggiungere un ulteriore problema a quello già esistente. Percorrere e traversare il proprio dolore è faticoso e repulsivo, ma nel lungo periodo è ciò che permette di superarlo.


Punto4. Prendersi cura di se stessi

Prendersi cura di se stessi anche nel fisico e trattarsi con compassione contribuisce ad aumentare la forza necessaria, oltre che a supportare in modo efficace le persone della vostra vita che potrebbero a loro volta averne bisogno.


Punto5. Pensare alla resilienza come  a un viaggio

L'APA (American Psychological Association) paragona la resilienza a una discesa lungo un fiume, dove si possono incontrare ostacoli e pericoli strada facendo. È necessario sfruttare la propria esperienza e il supporto degli altri, per farcela, e ogni tanto fermarsi a riposare sulla riva. Ma per completare il viaggio dobbiamo risalire sull'imbarcazione e continuare.


Punto6. Accettare che dopo la notte c'è sempre un nuovo giorno

La persona che sta soffrendo in un certo senso desidera restare nel proprio dolore, crogiolarvisi. Quasi come se dopo quello che le è capitato non potesse più esistere la possibilità di gioire ancora, di provare di nuovo piacere per qualcosa. Ma se riusciamo a dare tempo al tempo, scopriremo che il tempo è galantuomo. Se solo riusciamo ad aspettare abbastanza a lungo, nella maggior parte dei casi il dolore ha un inizio, un picco e poi inizia a diminuire. E quando il dolore se n'è andato resta il ricordo, resta una cicatrice che non fa più male, ma che ci rammenta ciò che è stato.


Bibliografia

David Sack. 2015. What We Can Learn From Joe Biden's Resilience. Psychology Today online.


(*)



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it