Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Respingiamo di più le prove che vengono dalla psicologia che dalle neuroscienze, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - neuroscienze

Respingiamo di più le prove che vengono dalla psicologia che dalle neuroscienze

neuroscienze - 27/02/15 - 18:22

(anche quando le prime sono più affidabili)

Immaginate un politico del partito per cui votate, nei guai perché sorpreso a commettere malversazioni. Esami condotti da un esperto concludono che è affetto da un Alzheimer all'esordio. Se la diagnosi è corretta, il politico deve essere rimosso dall'incarico e sostituito con un candidato di parte politica opposta.

Immagine
Questo lo scenario proposto ai partecipanti di uno studio di Geoffrey e Cinthia Munro. Ma con un risvolto fondamentale: a metà dei 106 partecipanti è stata fatta leggere una versione della storia in cui l'esperto basa la diagnosi su dettagliati test psicologici cognitivi. L'altra metà ha invece letto una versione in cui l'esperto usa immagini cerebrali riprese con la tecnica della risonanza magnetica nucleare (RMN). Tutti i rimanenti dettagli della storia erano identici.

Nell'insieme, le prove offerte dalla RMN sono state trovate più convincenti dei test cognitivi.

Ad esempio, il 69,8% dei soggetti che ha letto la storia dove la diagnosi era basata sulla RMN ha dichiarato di trovare convincente la diagnosi, mentre solo il 39,6% di coloro a cui è stata fatta leggere la versione della diagnosi basata sui test cognitivi ha dichiarato di trovarla convincente.

I dati della RMN sono stati considerati più obiettivi, validi e affidabili. Del totale dei soggetti che hanno espresso scetticismo, più del 15% di coloro che ha letto la storia dei test li ha ritenuti inaffidabili, mentre nessuno dei soggetti che ha letto l'altra storia ha dichiarato di trovare la RMN inaffidabile.

Nella realtà corrente, la diagnosi di Alzheimer è sempre condotta per mezzo di test cognitivi. La RMN è usata solo per escludere altre possibili spiegazioni ai risultati prodotti dai test.

I ricercatori sostengono che l'esperimento mostra la fede ingenuamente prestata dalle persone alle immagini cerebrali: "Confrontando le istruzioni molto dettagliate dei manuali che corredano i test cognitivi con l'assenza di criteri operativi formalizzati che guidino l'interpretazione clinica della RMN cerebrale nella diagnosi delle malattie, la percezione che la RMN sia immune a problemi di affidabilità rende perplessi".

E i soggetti che hanno dichiarato di identificarsi fortemente con le idee politiche espresse dall'ipotetico malversatore?

In questo gruppo di soggetti, i ricercatori hanno visto che la forbice fra la fiducia nella RMN e la sfiducia nei test è stata massima. In altre parole, quando gli studenti erano molto motivati a non credere alla diagnosi di Alzheimer, quelli che hanno visto il proprio "rappresentante politico" valutato attraverso dei test si sono dimostrati sprezzanti nei confronti del metodo, mentre quelli che avevano letto la storia della RMN hanno mostrato livelli di fiducia simili a quelli dei loro colleghi meno di parte.

Gli autori concludono affermando che le persone sono più disposte a non dar credito a prove psicologiche sgradite di quanto lo siano a scontare prove basate su dati cerebrali.

I risultati dell'esperimento si aggiungono ad altri precedenti, dove si dimostra il pregiudizio diffuso a favore delle scienze "dure" e contro la psicologia.

Ad esempio, gli studenti di medicina credono che le lezioni di psicologia che devono seguire siano "all'acqua di rose" e pensano che la psicologia sia meno importante delle altre scienze della natura. I bambini valutano le domande su argomenti di psicologia come "più facili" rispetto a domande di chimica o biologia. E la testimonianza di esperti a supporto di una difesa di infermità è vista come meno convincente quando fornita da psicologi che da psichiatri.

I ricercatori raccomandano che il loro lavoro sia esteso ad altri contesti, per sondare più in profondità il fascino esercitato dalle neuroscienze: "La necessità per il grande pubblico di valutare accuratamente il metodo scientifico usato dalla psicologia è importante, soprattutto nelle situazioni reali, di tutti i giorni, in cui le convinzioni forti o l'identificazione con specifici gruppi sociali rende le persone prone a non dar credito alle informazioni provenienti dalla psicologia".

Bibliografia

Wired online. 2015. People Are More Willing to Dismiss Evidence From Psychology Than Brain Science.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it