Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Il male fatto in modo attivo e quello passivo sono uguali?, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - neuroscienze

Il male fatto in modo attivo e quello passivo sono uguali?

neuroscienze - 04/12/11 - 19:05

Gli individui e i tribunali trattano con più durezza le persone che fanno attivamente del male, rispetto a quelle che omettono d'intervenire perché ciò accada. Un nuovo studio trova che tale distinzione morale è automatica. È necessario uno sforzo mentale cosciente per arrivare a valutare un danno fatto di proposito equivalente a quello di omissione.

La differenza è addirittura codificata dai vari codici penali. Un nuovo studio basato sul cerebral imaging rivela però che la distinzione è effettuata psicologicamente in modo automatico. È necessario uno sforzo cosciente, dicono i ricercatori, per decidere che il male fatto in modo attivo e in modo passivo sono la stessa cosa.

Ad esempio, un pattinatore sul ghiaccio in un caso allenta di proposito la lama sul pattino dell'avversario oppure, in un altro caso, nota che la lama è allentata ma non avvisa nessuno. In entrambi i casi l'avversario perde la gara, cade rovinosamente e si ferisce in modo grave. All'atto pratico, il danno arrecato è lo stesso.

PuntoLa neurologia dei dilemmi etici

F. Cushman, psicologo alla Brown University, si è servito di compiti comportamentali, inchieste online e risonanza magnetica funzionale per cercare di capire come si è evoluto il cervello per trattare i dilemmi morali e risolvere i dilemmi etici.

"Quando vediamo qualcuno fare del male attivamente a un'altra persona, scatta in noi una risposta forte e automatica", dice l'autore. "Non è necessario pensarci in modo volontario. Quando invece assistiamo a un'omissione d'intervento affinché un danno abbia luogo, i processi di pensiero che portano a decidere che si tratta di un atto sbagliato sono più lunghi e tortuosi".

In uno studio pubblicato nella rivista Social Cognitive and Affective Neuroscience, Cushman e coautori hanno presentato a dei volontari 24 dilemmi etici come quello del pattinatore. Entro una durata temporale specifica i partecipanti leggevano un'introduzione sull'incidente, una descrizione delle scelte morali dei personaggi e una descrizione di come i personaggi si comportavano. Dopo, dovevano valutare su una scala da 1 a 5 il loro grado di scorrettezza morale. Nel frattempo, gli sperimentatori monitoravano il flusso sanguigno nel cervello dei partecipanti tramite una macchina per risonanza magnetica.

Cushman si aspettava di veder confermati i risultati già da lui pubblicati nel 2006: le persone devono servirsi del ragionamento consapevole per arrivare alla sensazione che nuocere di proposito a qualcuno in modo volontario è moralmente peggiore che permettere per omissione che il danno accada. Nel nuovo studio il team di ricercatori si è servito dell'avanzata tecnologia messa a disposizione dalla risonanza magnetica, dando per scontato che coloro che avessero individuato differenze morali lo avrebbero fatto attraverso il ragionamento. Pertanto, tali soggetti avrebbero mostrato un'attività più intensa nelle regioni della corteccia prefrontale dorsolaterale, rispetto a quelli che non avessero ravvisato alcuna differenza. Con estrema sorpresa, invece, i livelli più alti di attività sono stati rivelati nei cervelli dei soggetti che non vedevano differenza fra il male inflitto in modo volontario e quello passivo.

"Le persone che hanno riportato la distinzione sono quelle nelle quali sono stati misurati i minori indizi di pensiero deliberato, attento e controllato", dice l'autore, "mentre le persone che non hanno riportato tale distinzione hanno fatto rilevare la maggior intensità di pensiero deliberato".

In sostanza, tutto ciò sembrerebbe indicare che l'evidenziare distinzioni sarebbe un atto automatico, mentre il non evidenziarlo sarebbe frutto di un processo consapevole.

PuntoGiudizio sociale

Cushman precisa che la sua ricerca non suggerisce quale dei due giudizi morali sia quello più "giusto". Ma è un fatto che molti sistemi giuridici si basano sulla convinzione che il danno attivo sia peggiore di quello passivo.

Un esempio è offerto da una decisione della Corte Suprema americana del 1997, che stabilì che anche ricevendo il permesso del paziente all'eutanasia, il medico non può eseguirla, ad esempio attraverso un'overdose di morfina. Tuttavia, il medico può seguire le indicazioni del paziente a far cessare il supporto vitale o altri tipi di trattamento. In quel caso, il verdetto del tribunale di 1° grado di New York e la Corte Suprema alla fine del processo decisero che le due cose erano diverse, ma la Corte d'Appello al 2° grado fu di parere contrario e stabilì che si trattava della stessa cosa.

Cushman sostiene che i suoi risultati potrebbero aiutarci a comprendere i meccanismi attraverso i quali arriviamo a formulare il giudizio morale, come individui e come società.

Bibliografia

F. Cushman et al. 2011. Are doing harm and allowing harm equivalent? Ask fMRI. Brown University.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it