Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Il lato oscuro della felicità



Il lato oscuro della felicità




Società - 24/05/11

Tutti vogliono essere felici, la ricerca della felicità sta in cima alla lista delle priorità di moltissime persone. Eppure, anche la ricerca della felicità può avere lati oscuri: non tutti i tipi di felicità sono desiderabili allo stesso modo e persino lo sforzo stesso di cercarla può far sentire peggio il cercatore.

Darsi l'obiettivo di cercare la felicità può ritorcersi contro, finendo per farci sentire peggio di quando si è iniziato. I modi possono non essere negativi in sé, ad esempio prendendosi del tempo per pensare alle cose che ci fanno sentire felici o creare situazioni che possano renderlo più probabile. Ma quando l'aspettativa è che queste cose debbano renderci felici, il risultato può essere delusione e una felicità più bassa.

In un esperimento, chi leggeva un articolo di giornale che esaltava il valore della felicità e poi vedeva un film felice si sentiva peggio, rispetto a chi aveva letto un articolo che non menzionava la felicità e poi visto lo stesso film. Si può presumere che questi ultimi non risentissero dell'eventualità di rimanere delusi, non avendo letto prima alcun inno alla felicità.

Anche troppa felicità può diventare un problema. Uno studio del 1920 seguì dei bambini fino all'età adulta, scoprendo che morirono più giovani quelli che da bambini erano stati definiti come più sorridenti dalle maestre. I ricercatori hanno scoperto che chi si sente molto felice non pensa creativamente e si espone a rischi maggiori. Come esempio estremo, si pensi alle persone che soffrono di mania, come quelle con disturbo bipolare: sentono troppe emozioni positive che le portano a correre rischi, come usare sostanze, guidare l'auto ad alta velocità o sperperare i loro averi. Ma la stessa cosa si verifica anche nei felicissimi che non soffrono di patologie psichiatriche.

Un altro problema ancora è la felicità inappropriata. Certamente non è adeguato sentirsi felici vedendo qualcuno piangere per la morte di un proprio caro o sapendo che un amico è rimasto ucciso in un incidente d'auto. Eppure, i ricercatori hanno trovato che casi come questi possono darsi nei pazienti che soffrono di mania. Felicità significa anche mancanza di emozioni negative, che pure hanno un posto preciso nella vita. La paura serve a evitare di assumersi rischi non necessari, la colpa a ricordarci di comportarci bene verso gli altri.

Gli psicologi hanno scoperto cos'è che può aumentare davvero la felicità. Il predittore più affidabile della felicità non è il denaro o la fama, è avere relazioni interpersonali importanti e gratificanti.

Il miglior modo di aumentare la felicità è smettere di preoccuparsi di esserlo e usare piuttosto le proprie energie per coltivare e sviluppare i legami sociali con le altre persone. Tutto il resto seguirà di conseguenza.

Bibliografia

J. Gruber. 2011. Happiness has a dark side. Perspectives on Psychological Science.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni

Warning: file_put_contents(): Only 0 of 111 bytes written, possibly out of free disk space in /var/www/vhosts/giuseppesantonocito.it/httpdocs/prog/logger/log_access.php on line 18