Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Infrangere le regole fa sembrare potenti



Infrangere le regole fa sembrare potenti




Comunicazione - 23/05/11

Quando si ha potere, si recita una parte. Le persone potenti ridono di meno, interrompono gli altri e parlano a voce più alta. Quando non si rispettano le regole di base del comportamento sociale, gli altri sono indotti a credere che si abbia più potere.

Le persone potenti sperimentano il mondo in modo diverso rispetto a quelle che non lo sono. I potenti hanno meno regole da seguire e vivono in ambienti protetti fatti di supporto, informazioni o denaro. Le persone senza potere vivono invece entro limiti prestabiliti e sotto la minaccia di punizioni, dice G. Van Kleef, della Università di Amsterdam.

I ricercatori si sono posti questa domanda: dato che i potenti sono più liberi di rompere le regole, sarà vero anche il contrario, ovvero rompere le regole fa sembrare potenti?

A dei soggetti sono state fatte leggere brevi storie, ad esempio di qualcuno che entra in un ufficio e beve dalla tazza del caffè di un impiegato senza chiedergli il permesso, oppure di un contabile che falsifica un bilancio. Il risultato è stato che chi infrangeva le regole era percepito come più potente e in controllo della situazione rispetto a chi non rubava caffè né falsificava documenti.

Anche comportarsi in modo sgarbato dà impressione di potere. Vedendo dei video con persone sedute a un bar di strada mentre mettevano i piedi su un'altra sedia, lasciavano cadere per terra la cenere della sigaretta e ordinavano qualcosa in modo rude, i soggetti hanno dichiarato di credere che fossero più capaci di prendere decisioni e di farsi ascoltare, rispetto alle persone nello stesso video che si comportavano educatamente.

E cosa accade quando s'interagisce con chi non rispetta le regole?

Van Kleef e colleghi hanno fatto conversare i soggetti con attori istruiti per infrangere le regole sociali oppure per rispettarle. Questi ultimi erano educati e si comportavano in modo normale, mentre gli "sregolati" arrivavano in ritardo, gettavano la borsa sul tavolo e ci mettevano sopra i piedi. Dopo la conversazione, i soggetti credevano che i maleducati avessero più potere e più capacità di far fare agli altri ciò che volevano, rispetto agli educati.

"Chi viola le norme è percepito come uno che fa ciò che gli pare" scrivono i ricercatori. Il potere può corrompere, ma mostrare i segni esterni della corruzione fa passare per potenti.

Bibliografia

G. A. Van Kleef, A. C. Homan, C. Finkenauer, S. Gundemir, E. Stamkou. 2011. Breaking the Rules to Rise to Power: How Norm Violators Gain Power in the Eyes of Others. Social Psychological and Personality Science.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni