Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
È vantaggioso conoscere l'avversario: negozia con successo pensando come lui, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - comunicazione

È vantaggioso conoscere l'avversario: negozia con successo pensando come lui

comunicazione - 14/05/11 - 16:32

Dalla situation room in tempi di guerra alla sala riunioni in azienda, le negoziazioni fanno parte della vita di ogni giorno. Negoziare con successo richiede una chiara comprensione della controparte. Ma qual è l'approccio migliore per arrivare a tale comprensione?

Lo psicologo A. Galinsky e colleghi si sono posti la domanda, trovando che il successo nella negoziazione dipende dal concentrarsi sulla testa e non sul cuore. In altre parole, è meglio assumere la prospettiva dell'altro piuttosto che tentare di empatizzare con lui.

Assumere la prospettiva dell'altro, secondo uno studio pubblicato nel 2008 sulla rivista Psychological Science, una publicazione della Association for Psychological Science, consiste nel comprendere e anticipare gli interessi della controparte, i suoi pensieri e i comportamenti probabili, mentre l'empatia consiste nel "mettersi nei panni" dell'altro in senso emotivo e compassionevole.

Dicono gli autori: "Chi riesce ad assumere la prospettiva altrui è in grado di uscire dalle costrizioni del proprio, parziale schema di riferimento. L'empatia, invece, porta le persone a violare le norme di equità e uguaglianza e a elargire trattamenti privilegiati".

I ricercatori hanno condotto 3 esperimenti, progettati per indagare la relazione fra negoziazione di successo e strategie di assunzione di prospettiva o di empatia.

In due esperimenti i partecipanti dovevano contrattare la vendita di una stazione di rifornimento, in cui la chiusura dell'affare basata sul solo prezzo era impossibile: la richiesta del venditore era superiore all'offerta massima dell'acquirente. Tuttavia, gli interessi sottostanti delle due parti erano compatibili, pertanto una trattativa creativa era possibile.

Nel primo esperimento, i partecipanti più capaci di assumere spontaneamente il punto di vista dell'altro sono riusciti con più facilità a concludere con successo l'affare. Di contro, coloro che hanno ricevuto alti punteggi di empatia hanno avuto meno successo nella negoziazione.

Nel secondo esperimento, sempre basato sulla compravendita della stazione di servizio, i partecipanti sono stati divisi in 3 gruppi: i "prospettici" che dovevano assumere la prospettiva dell'altro e cercare di immaginare cosa stesse pensando, il gruppo degli "empatici" che doveva cercare di immaginare cosa l'altro stesse sentendo, e un gruppo di controllo senza alcuna istruzione particolare.

I "prospettici" hanno portato a casa il maggior numero di risultati e aumentato la soddisfazione dell'avversario, rispetto al gruppo di controllo. Gli "empatici" hanno raggiunto i livelli più alti di soddisfazione dell'avversario, ma hanno avuto meno successo dei "prospettici" nel chiudere l'affare, fallendo così nella creazione di valore a lungo termine per loro stessi e la controparte.

Nel terzo esperimento ai partecipanti è stata presentata una situazione multifattoriale di negoziazione che riguardava un'assunzione. Il gruppo dei "prospettici" è stato in grado di creare più valore e guadagnare più punti per loro stessi rispetto al gruppo degli "empatici" e a quello di controllo. Gli "empatici", anzi, hanno ottenuto i punteggi individuali più bassi.

Questi risultati suggeriscono che assumere la prospettiva dell'altro è una strategia utile nelle negoziazioni e che l'empatia, sebbene utile in tante interazioni sociali, può essere controproducente sia per creare soluzioni integrate che debbano tener conto del punto di vista di entrambi, sia nel proprio interesse.

"I negoziatori che riescono a tener conto di cosa motiva la controparte hanno un vantaggio, è un po' come entrare nella loro testa" dice Galinsky. "Assumere la prospettiva altrui permette di strutturare l'interazione in modo che entrambe le controparti possano beneficiarne. Invece, l'empatia fa concentrare solo su cosa può accontentare la controparte e ciò può andare a detrimento dell'interesse di entrambi".

Bibliografia

A. Galinsky, W. Maddux, D. Gilin, J. White. 2008. It Pays To Know Your Opponent: Success In Negotiations Improved By Perspective-taking. Association for Psychological Science.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it