Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Come scoprire se qualcuno sta mentendo, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - comunicazione

Come scoprire se qualcuno sta mentendo

comunicazione - 11/05/11 - 00:44

Quando qualcuno sta in atteggiamento sospetto in un aeroporto, in metropolitana o in uno spazio pubblico, come si fa a capire se si tratta davvero di un malintenzionato?

La capacità di smascherare gli inganni è cruciale ai fini della pubblica sicurezza, specie dopo le rinnovate minacce terroristiche in seguito all'uccisione di Osama bin Laden.

Il Prof. R. E. Geiselmann, psicologo alla UCLA, ha studiato questi problemi per anni e ha insegnato tecniche d'interrogatorio a detective, agenti segreti dell'FBI, ai Marines, al Corpo di Polizia di Los Angeles, polizie locali e numerose agenzie internazionali.

Insieme a 3 colleghi, il Prof. Geiselmann ha analizzato più di 60 studi esistenti sulla rivelazione delle bugie e svolto ricerche proprie sull'argomento.

Sono stati identificati diversi segnali che rivelano se una persona sta mentendo. Secondo Geiselman quelli più affidabili sono i seguenti:
PuntoQuando interrogati, i mentitori generalmente dicono il meno possibile. Si potrebbe pensare che vogliano raccontare storie elaborate, ma la stragrande maggioranza di loro racconta solo lo stretto necessario. Anche se un interrogatorio ha lo scopo di far parlare.
PuntoIl mentitore dice poco, ma ha la tendenza a giustificarsi sul poco che dice anche se non gli viene richiesto. Questo fatto sembra corroborare l'adagio medievale: "Excusatio non petita, accusatio manifesta".
PuntoHa la tendenza a ripetere la domanda ricevuta prima di rispondere, forse per prendere tempo ed elaborare una risposta.
PuntoSpesso tiene d'occhio la reazione dell'interlocutore a ciò che sta dicendo, per cercare di capire se viene creduto.
PuntoAll'inizio il mentitore rallenta la velocità del discorso, perché deve creare la storia e controllare le reazione dell'altro. Quando poi la storia è stata creata nella mente, la sputa fuori tutta insieme aumentando la velocità del racconto. La persona sincera non si preoccupa di parlare lentamente, ma quella menzognera pensa spesso che se parla lentamente non verrà creduta. Chi è sincero difficilmente altera sensibilmente la velocità del discorso all'interno della stessa frase.
PuntoIl mentitore usa frammenti di frase con più frequenza di chi dice la verità. Ad esempio inizia una risposta, poi torna indietro senza completare la frase.
PuntoHa più facilità a stringere le labbra quando riceve una domanda critica e più facilità a indulgere in comportamenti di autotoccamento. Inoltre, i gesti che indicano se stessi sono emessi più facilmente dal mentitore, mentre i gesti verso l'esterno sono effettuati più spesso dalle persone sincere.
PuntoQuando le persone sincere vengono sfidate a chiarire meglio i dettagli della loro versione, spesso negano di mentire e spiegano di più, mentre il mentitore non fornisce altri particolari.
PuntoAlle domande difficili, la persona veritiera spesso distoglie lo sguardo per concentrarsi prima di rispondere, mentre il mentitore lo distoglie per un brevissimo istante o per nulla, perché è impegnato a monitorare la reazione dell'ascoltatore.

E quando i disonesti tentano di mascherare le reazioni appena descritte, non fanno altro che accentuarle ancora di più.

Queste sono alcune delle tecniche che Geiselmann insegna ai detective per distinguere le bugie dai racconti veritieri:
PuntoFar raccontare le storie al contrario, partendo dalla fine e specificando quanti più dettagli possibile. Questa tecnica fa parte della cosiddetta intervista cognitiva, sviluppata insieme a R. Fisher, collega di Geiselmann alla UCLA, ed è in grado di mettere sotto carico l'apparato cognitivo che, nel caso di storia non veritiera, cede facilmente perché il mentitore ha in più lo sforzo di controllare l'interlocutore per capire se gli sta credendo.
PuntoPorre domande aperte, chiedendo di fornire quanti più dettagli e quante più informazioni complete possibile. Ad esempio: "Puoi dirmi di più riguardo a…?" oppure "Dimmi esattamente…". All'inizio porre domande più generiche e solo dopo entrare nello specifico.
PuntoNon interrompere, lasciar parlare e usare pause silenziose per incoraggiare a parlare.

Quando a un primo approccio un individuo si comporta in modo sospetto e mostra molti dei segni rivelatori descritti sopra, Geiselmann raccomanda agli agenti di prenderlo da parte e fare altre domande. Se invece i segni sono solo uno o due, si può lasciar andare il sospetto.

Riconoscere le bugie è difficile, ma attraverso un adeguato addestramento è possibile diventare abili ed efficaci. Programmi di questo tipo devono comprendere insegnamenti teorici, molte ore di osservazione di esempi videoregistrati e simulazioni con persone dal vivo. Nel giro di un paio di settimane è possibile diventare competenti in questo tipo di abilità. E i bugiardi avranno le ore contate.

Bibliografia

University of California. 2011. How to tell when someone's lying: Psychologist helps law enforcement agencies tell truth from deception.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it