Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Gli scienziati fanno ammalare il computer di , Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - neuroscienze

Gli scienziati fanno ammalare il computer di

neuroscienze - 09/05/11 - 15:27

Un programma software che simula il funzionamento del cervello umano e che non riesce a dimenticare facilmente, dà luogo a sintomi di una schizofrenia virtuale e suggerisce ai ricercatori indizi sulle caratteristiche del cervello schizofrenico.

Alla University of Texas e a Yale, utilizzando computer programmati con reti neurali che simulavano un rilascio eccessivo di dopamina, si è scoperto che la rete richiamava i ricordi in modo del tutto simile a quello dei pazienti schizofrenici.

I risultati sono stati pubblicati nel numero di aprile della rivista Biological Psychiatry.

Scrive il Dr. U. Grasemann: "La nostra ipotesi è che la dopamina codifichi l'importanza (salienza) dei ricordi. Un'attività dopaminergica esagerata può portare a salienza eccessiva, cosicché il cervello finisce per ricordare cose che non dovrebbe".

I risultati corroborano l'ipotesi sul funzionamento della schizofrenia nota come ipotesi dell'iperapprendimento, secondo la quale il cervello delle persone schizofreniche perde le normali capacità di dimenticare e ignorare ricordi e percezioni. Senza poter dimenticare, si perde la capacità di estrarre ciò che ha davvero significato dall'oceano di stimoli a cui il cervello è continuamente sottoposto. Lo schizofrenico inizia a fare connessioni che non sono reali, annegando nella quantità di connessioni possibili tanto da diventare incapace di mettere insieme una parvenza di storia coerente.

La rete neurale usata da Grasemann e dal suo supervisore, il Dr. R. Miikkulainen, porta il nome di DISCERN. Progettata da Miikkulainen, DISCERN è capace d'imparare il linguaggio naturale. Nel loro studio è stata impiegata per simulare cosa succede al linguaggio in conseguenza di 8 diversi tipi di disfunzioni neurologiche.

I risultati dell'esperimento sono stati confrontati da R. Hoffmann, professore di psichiatria a Yale, con le sue conoscenze di prima mano sul comportamento dei pazienti schizofrenici.

Per condurre l'esperimento, Grasemann e Miikkulainen hanno insegnato a DISCERN alcune semplici storie. Le storie sono state assimilate nella memoria di DISCERN in modo simile a ciò che avviene negli esseri umani, ovvero come associazioni probabilistiche fra parole, frasi e sequenze di fatti.

Una rete neurale è un programma software che impara dagli esempi. Si mostrano alla rete degli esempi più e più volte, rinforzando l'associazione fra input e output quando la rete la esprime nel modo corretto. Dopo molte ripetizioni, la rete ha imparato a fornire l'output desiderato a fronte di un certo input.

Per simulare l'iperapprendimento schizofrenico i ricercatori hanno alterato uno dei parametri che regolavano il funzionamento della rete, simulando un rilascio eccessivo di dopamina e dicendo in sostanza alla rete di dimenticare di meno.

"L'oblio è un meccanismo fondamentale" dice Grasemann. "Abbiamo scoperto che esasperando il tasso di apprendimento in DISCERN si producono anormalità nel linguaggio che sembrano quelle di un paziente schizofrenico".

Dopo l'alterazione del tasso di apprendimento DISCERN ha iniziato a produrre storie fantastiche e deliranti, che includevano elementi da altre storie apprese in precedenza. In un caso, ad esempio, DISCERN si è autoaccusata della responsabilità di un attentato terroristico.

In un altro caso, DISCERN ha mostrato segni di deragliamento del pensiero, rispondendo alle richieste con un guazzabuglio di frasi sconnesse, digressioni improvvise e salti avanti e indietro dalla prima alla terza persona narrativa.

"Le informazioni sono processate dalle reti neurali in modo simile a come sono trattate nel cervello" dice Grasemann. "Perciò la nostra ipotesi era che si sarebbero degradate nello stesso modo. E infatti così è stato".

Il parallelo fra la rete neurale modificata usata nell'esperimento e la schizofrenia negli esseri umani non è prova definitiva che l'ipotesi dell'iperapprendimento sia corretta. Tuttavia, si tratta di una conferma e della dimostrazione di quanto le reti neurali possono essere utili nella comprensione del cervello.

Bibliografia:

R. E. Hoffman, U. Grasemann, R. Gueorguieva, D. Quinlan, D. Lane, R. Miikkulainen. 2011. Using Computational Patients to Evaluate Illness Mechanisms in Schizophrenia. Biological Psychiatry.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it