Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Chi crede nei complotti ha la tendenza a complottare, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - società

Chi crede nei complotti ha la tendenza a complottare

società - 05/05/11 - 10:54

Le teorie del complotto, come quella sulla morte della Principessa Diana, sono credute più facilmente dalle persone che hanno loro stesse la tendenza a complottare, secondo un nuovo studio.

K. Douglas e R. Sutton, due ricercatori dell'Università di Kent (Regno Unito) hanno trovato conferma al concetto psicoanalitico di proiezione, che consiste nel ravvisare negli altri una predisposizione che ci appartiene.

La ricerca s'intitola: Does it take one to know one? (Ci vuole il simile per capire il simile?), sottotitolo: L'appoggio alle teorie del complotto è influenzato dalla propria attitudine alla cospirazione.

Sono state valutate le idee di 250 studenti britannici su 17 grandi cospirazioni, come quelle sul presunto assassinio della Principessa Diana, di J. F. Kennedy, la "finzione" dell'atterraggio sulla luna e la presunta orchestrazione da parte del governo degli Stati Uniti all'attacco alle Torri Gemelle dell'11 settembre.

Nel primo esperimento ai partecipanti è stato chiesto se loro stessi avrebbero preso parte a quei complotti, avendone avuta la possibilità. Una delle domande era, ad esempio: "Se fossi stato al governo, avresti ordinato l'attacco alle Torri Gemelle?" È risultato che quanto più i soggetti dichiaravano una volontà a cospirare, tanto più consideravano quei complotti plausibili, interessanti e meritevoli di considerazione.

Inoltre i ricercatori hanno visto che i soggetti molto machiavellici (disposti a sfruttare il prossimo per trarne guadagni personali) mostravano più disponibilità a cospirare e a credere nelle cospirazioni.

Nel secondo esperimento, a metà dei partecipanti è stato chiesto di ricordare un momento in cui avevano aiutato qualcuno. I ricercatori ipotizzavano che questa forma di priming li avrebbe orientati verso un temporaneo innalzamento del senso morale. Come ci si aspettava, in confronto al gruppo di controllo questi soggetti hanno mostrato meno disposizione a cospirare e, di conseguenza, meno facilità a credere nelle teorie complottiste.

"Volevamo capire come mai nell'era di internet, che mette a disposizione tante informazioni in conflitto fra loro, tanta gente crede nei complotti" dice Douglas. "Abbiamo scoperto che nella loro ricerca di spiegazioni, di fronte a condizioni così confondenti e conflittuali, le persone si basano in parte sulla proiezione, ovvero sull'assunto che gli altri si comportino nello stesso modo in cui si comportano loro."

"Non diciamo che tutti i credenti nelle teorie del complotto siano immorali o che sono giunti alla loro convinzione attraverso la proiezione. Altri importanti fattori possono indurre le persone a credere nei complotti, inoltre il nostro studio non dice nulla sulla verità o la plausibilità di tali teorie. Però siamo riusciti a dimostrare che una delle ragioni per le quali le persone ritengono valide le teorie complottiste è che proiettano le loro stesse tendenze morali sui presunti cospiratori."

Bibliografia

K. M. Douglas, R. M. Sutton. 2011. Does it take one to know one? Endorsement of conspiracy theories is influenced by personal willingness to conspire. British Journal of Social Psychology.


 gabriele giannoni - 08/05/11 - 19:40n. 1 

Concordo solo parzialmente con questo studio, non mi ritengo un complottista ma credo hai complotti perchè conosco chi gli fa. Questa ipotesi nello studio non viene tenuta di conto. Non in porta eseere in malafede per credere a questi complotti basta studiare la Malafede e come il teorema di Pitagora torna sempre.
Gabriele


 Giuseppe Santonocito - 08/05/11 - 20:48n. 2 

Ciao Gabriele
Come qualsiasi altro studio, bisogna tener presente che i risultati sono espressi in forma statistica, ad esempio: su 100 persone sottoposte all'esperimento, 70 hanno reagito in una tal maniera. Questo dà modo al ricercatore di fare un'affermazione probabilistica sulla verità di un'ipotesi, ma resta pur sempre quel 30% che ha reagito in modo diverso.

La scienza sempre più si basa su ipotesi, teorie e conclusioni in senso probabilistico, non in senso assoluto.

Giuseppe


Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it