Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Quando lavarsi diventa una compulsione



Quando lavarsi diventa una compulsione




Ansia/panico - 25/04/11

I disturbi ossessivo-compulsivi sono spesso diagnosticati in ritardo nei ragazzi e negli adolescenti. Nell'ultimo numero della rivista Deutsches Ärzteblatt International, S. Walitza e colleghi rilevano che il riconoscimento e il trattamento precoce di questo disturbo ne influenza positivamente il decorso.

Il lavarsi compulsivamente, il più comune sintomo ossessivo fra bambini e adolescenti, è presente nell'87% dei pazienti. Altri comuni sintomi sono: comportamenti ripetitivi (rituali), comportamenti di controllo e verifica, pensieri con contenuti aggressivi o violenti.

La comorbidità con deficit d'attenzione e iperattività è presente nel 70% dei pazienti.

I disturbi oossessivo-compulsivi in infanzia e adolescenza spesso si cronicizzano, compromettendo la salute mentale nell'età adulta.

Le specifiche manifestazioni del disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) possono essere diagnosticate precocemente tramite tecniche psicodiagnostiche. Il trattamento può essere difficile e lungo, tanto che il DOC è considerato una "bestia nera" da alcuni operatori della salute mentale. I trattamenti psicologici comportamentali sono considerati la prima scelta e più efficace per questo disturbo. La seconda scelta consiste in cure comportamentali e somministrazione di antidepressivi serotoninergici (SSRI). Tuttavia, anche in questo caso, dopo il periodo di cura farmacologica i pazienti hanno ancora bisogno di psicoterapia per prevenire ricadute.

La patogenesi del DOC è multifattoriale e vi svolgono un ruolo fattori di natura psicologica, neurologica e genetica.

La psicoterapia breve strategica riconosce alla famiglia del giovane paziente un ruolo fondamentale nel trattamento di questo disturbo, tanto che non di rado è possibile sbloccarlo e averne ragione per via indiretta, senza vedere il paziente ma istruendo i genitori sui comportamenti da tenere verso il figlio.

Bibliografia

S. Walitza, S. Melfsen, T. Jans, H. Zellmann, C. Wewetzer, A. Warnke. 2011. Obsessive-compulsive disorder in children and adolescents. Dtsch Arztebl Int.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni