Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Brevi distrazioni migliorano di parecchio l'attenzione, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - generale

Brevi distrazioni migliorano di parecchio l'attenzione

generale - 05/04/11 - 12:43

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Cognition sovverte una teoria decennale sull'attenzione, dimostrando che brevi distrazioni possono migliorare di molto la capacità a restare su un compito per lunghi periodi.

Lo studio ha analizzato un fenomeno noto a chiunque si sia trovato a dover fare la stessa cosa per molto tempo: dopo un po' s'inizia a perdere la concentrazione e la performance diminuisce.

Alcuni studiosi ritengono che tale "diminuzione della vigilanza" sia il risultato di una caduta nelle risorse attentive, dice il professor A. Lleras, psicologo all'università dell'Illinois: "Per 40 o 50 anni le ricerche pubblicate sulla diminuzione della vigilanza hanno trattato l'attenzione come una risorsa limitata, che viene spesa e consumata nel tempo. Ebbene, io credo che questo punto di vista sia errato. La performance sul compito viene a cadere perché si smette di prestarci attenzione, è vero, ma anche quando ci distraiamo stiamo sempre prestando attenzione a qualcosa. Quindi il problema non dev'essere l'attenzione".

Lleras osserva che un fenomeno analogo accade nella percezione sensoriale: il cervello smette di registrare un'immagine, un suono o una sensazione quando lo stimolo rimane costante nel tempo. Ad esempio, la maggior parte delle persone non è cosciente della sensazione provocata dai vestiti sulla pelle. Il cervello si abitua e lo stimolo non viene più registrato dalla coscienza.

"Gli stimoli costanti sono interpretati dal cervello come poco importanti e quindi cancellati dalla consapevolezza. Perciò, mi son detto, se c'è un modo fondamentalmente simile in cui il cervello tratta le informazioni, ciò che è vero per le sensazioni forse è vero anche per i pensieri. Se l'attenzione sostenuta verso una sensazione fa svanire la sensazione dalla coscienza, forse anche l'attenzione sostenuta su un pensiero fa sì che questo svanisca dalla mente."

Nello studio, insieme al collega post-dottorando A. Ariga, Llera ha testato la capacità di 84 soggetti di concentrarsi su un compito ripetitivo al computer sotto varie condizioni. I soggetti sono stati divisi in 4 gruppi:
PuntoGruppo di controllo che ha svolto il compito per 50 minuti senza interruzioni.
PuntoUn gruppo di "scambio" e uno di "non scambio" hanno dovuto memorizzare un numero di 4 cifre prima del compito, con la richiesta di rispondere se avessero visto una delle cifre sullo schermo durante il compito successivo. Solo al gruppo di "scambio" sono poi state effettivamente presentate 2 cifre, durante l'esperimento. Entrambi i gruppi sono stati testati per la ritenzione mnemonica alla fine del compito.
PuntoUn gruppo "ignora le cifre", a cui è stato detto d'ignorare le cifre quando le avessero viste sullo schermo.

Come ci si aspettava, la performance della maggior parte dei soggetti è diminuita man mano che il tempo passava. Ma quelli nel gruppo di "scambio" non hanno mostrato alcuna caduta di performance. Dare la possibilità d'interrompere il compito per 2 volte, per avvertire gli sperimentatori che avevano visto le cifre memorizzate in precedenza, ha permesso ai soggetti di restare concentrati per tutto l'esperimento.

"È stato stupefacente vedere come la loro performance è rimasta intatta per tutta la durata del test" dice Llera "mentre quella degli altri gruppi era in caduta libera".

Il risultato dello studio è congruente con l'idea che il cervello sia un meccanismo fatto per rispondere al cambiamento e suggerisce che l'attenzione prolungata in realtà peggiori la performance.

"Proponiamo che disattivare e riattivare gli obiettivi che ci siamo prefissi ci permette di restare concentrati. Dal punto di vista pratico, questo nostro studio suggerisce che ogni qualvolta dobbiamo svolgere un compito di lunga durata, come ad esempio studiare per un esame, è meglio imporsi dei piccoli break di tanto in quanto. Delle piccole pause mentali ci aiuteranno a restare concentrati".

Bibliografia

A. Ariga and A. Lleras. 2011. Brief and rare mental 'breaks' keep you focused: Deactivation and reactivation of task goals preempt vigilance decrements. Cognition.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it