Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
I bulli sono ragazzi popolari, ma non i più popolari, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - scuola

I bulli sono ragazzi popolari, ma non i più popolari

scuola - 04/04/11 - 19:21

Sebbene gli esperti considerino spesso i comportamenti aggressivi come reazione di disadattamento tipica dei reietti sociali, l'università Davis della California ha studiato il fenomeno e sostiene che in realtà sono gli adolescenti popolari, anche se non i più popolari, quelli particolarmente dediti a tormentare i compagni.

Immagine"Il nostro studio mette in evidenza che, per la maggior parte, ottenere e mantenere uno status sociale elevato richiede qualche tipo di comportamento antagonista" dice R. Faris, assistente professore di sociologia alla Davis.

Lo studio riporta anche che il 2% più elevato della gerarchia sociale scolastica, cioè i più popolari di tutti, insieme a quelli in fondo alla gerarchia, ovvero i meno popolari, sono i meno aggressivi.

"Entrambi mostrano livelli ridotti d'aggressività, ma ciò può essere attribuito a cause diverse" dice Faris. "Quelli al fondo non dispongono della forza sociale né della capacità di essere aggressivi, mentre quelli in cima ce le hanno, ma non hanno bisogno di usarle".

La popolarità degli studenti è stata valutata in base a quanto centrali erano nella loro cerchia d'amicizie. L'aggressività è stata definita dagli autori come comportamenti atti a ferire o causare dolore in modo fisico (colpendo, dando spintoni o calci), verbale (insulti o minacce) e indiretto (spargere cattiva fama, parlar male alle spalle e ostracizzare).

Lo studio ha seguito i ragazzi lungo un intero anno scolastico e ha trovato, in generale, che un aumento nello status sociale sia nei ragazzi che nelle ragazze era accompagnato da un aumento dell'aggressività, finché non si arriva a occupare lo strato più alto della gerarchia sociale.

"L'aggressione di solito richiede un certo grado di supporto sociale, potere o influenza. Gli studenti sanno che s'incontreranno di nuovo il giorno successivo e qualsiasi atto d'aggressione comporta un rischio di rappresaglia. Coloro che stanno al centro della rete sociale dispongono di maggior potere dissuasivo nei confronti delle vendette."

Eppure, proprio i ragazzi al top della scala sociale, quelli che dispongono della maggior capacità aggressiva, generalmente non la usano.

"Se un ragazzo alla posizione sociale più alta agisse in maniera aggressiva nei confronti dei compagni, potrebbe essere visto come insicuro o debole e ciò non contribuirebbe a mantenere la sua posizione di favore. Ed è possibile che ottenga più vantaggi mostrandosi pro-sociale e gentile."

Faris riconosce, tuttavia, che gli studenti alle posizioni più alte possano essere "in qualche modo diversi" e magari poco disposti all'aggressività, piuttosto che usare deliberatamente la non aggressività come strategia.

Lo studio è basato su 3.722 studenti di 19 scuole pubbliche del North Carolina ed è iniziato nel 2002.

Riguardo alle opportunità implicate dallo studio, Faris sostiene che gli interventi diretti specificamente ai ragazzi più aggressivi o alle vittime sono fuorvianti.

"Io inizierei dai ragazzi meno coinvolti, incoraggiandoli a essere meno passivi e meno implicitamente proni ad approvare questo tipo di comportamenti antagonisti. È attraverso la platea meno coinvolta che i ragazzi aggressivi traggono il loro potere."

Bibliografia

R. Faris. 2011.Popular students - but not the most popular - more likely to torment peers, study finds. University of California - Davis.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it