Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Dormire fa memorizzare per primi i ricordi utili: il cervello ricorda prima ciò che serve in futuro



Dormire fa memorizzare per primi i ricordi utili: il cervello ricorda prima ciò che serve in futuro




Neuroscienze - 11/03/11

Dopo una buona notte di sonno, le persone ricordano meglio le informazioni che torneranno più utili in futuro, secondo un nuovo studio. Sembra che il cervello valuti i ricordi durante il sonno, dando la precedenza a quelli più rilevanti e memorizzandoli per primi.

L'essere umano assorbe una vasta quantità d'informazioni durante il giorno. Molte di queste sono trasformate in ricordi dal cervello e memorizzate, ma la maggior parte delle informazioni viene rapidamente dimenticata. Un team di ricercatori tedeschi ha deciso di studiare come il cervello decide ciò che è da ritenere e ciò che è da dimenticare.

"I nostri risultati mostrano che il consolidamento dei ricordi durante il sonno implica un elementare processo di selezione che decide quali ricordi verranno convogliati nella memoria a lungo termine" dice J. Born, ricercatore all'Università di Lübeck. "Le informazioni considerate rilevanti per il futuro sono memorizzate per prime".

In un esperimento, a dei volontari è stato chiesto di memorizzare 40 coppie di parole. In un altro esperimento i volontari dovevano giocare un gioco di carte, associare immagini di animali e oggetti e fare pratica con delle sequenze di tamburellamenti con le dita.

In tutti gli esperimenti a metà del gruppo è stato detto, subito dopo l'esperimento, che dopo 10 ore sarebbero stati testati sugli apprendimenti fatti. Dopo tale periodo, però, tutti i partecipanti sono stati interrogati, per vedere quanto ricordassero ciò che avevano imparato.

Ad alcuni di loro è stato permesso di dormire nell'intervallo fra gli esperimenti e il test.

Come gli autori si aspettavano, coloro che hanno dormito hanno riportato punteggi migliori di quelli che erano rimasti svegli. Ancor più importante, coloro che hanno dormito e ai quali è stato detto che sarebbero stato testati hanno riportato i punteggi migliori di tutti.

I ricercatori hanno anche registrato gli EEG dei soggetti addormentati, riscontrando un aumento dell'attività cerebrale a "onde lente" durante il sonno profondo, in coloro che sapevano che ci sarebbe stato un test.

"Più attività a onde lente i partecipanti avevano, migliori sono stati i loro ricordi 10 ore più tardi" dice Born.

Gli scienziati sanno da tempo che il sonno migliora i ricordi. L'ipotesi del gruppo di Born è che la corteccia prefrontale contrassegni i ricordi destinati a diventare rilevanti in futuro durante la veglia, e che l'ippocampo si occupi di consolidarli durante il sonno.

Gilles Einstein, un esperto di memoria alla Furman University, dice che questi nuovi risultati aiutano a capire coma mai ci ricordiamo meglio una conversazione che riguarda la costruzione della nostra nuova casa piuttosto che una chiacchiera sul tempo nuvoloso avuta ieri con qualcuno. "Questi risultati mostrano che il sonno è essenziale nella formazione dei ricordi" dice Einstein, che non ha partecipato allo studio. "Ciò vale sia per la memoria dichiarativa (fattuale) che per la memoria procedurale (sequenze, come nei passi di danza)".

Bibliografia

I. Wilhelm, S. Diekelmann, I. Molzow, A. Ayoub, M. Molle, J. Born. 2011. Sleep Selectively Enhances Memory Expected to Be of Future Relevance. Journal of Neuroscience.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni