Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
L'effetto camaleonte: davvero imitare i movimenti degli altri ci rende più piacevoli?, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - comunicazione

L'effetto camaleonte: davvero imitare i movimenti degli altri ci rende più piacevoli?

comunicazione - 28/02/11 - 11:30

Libri di self-help, manuali di persuasione e articoli di riviste patinate spesso suggeriscono che imitare i movimenti degli altri ci rende più gradevoli ai loro occhi. Ma sarà vero? Oppure l'imitazione è solo l'effetto di un'interazione sociale che sta procedendo bene?

ImmagineAnche se per molto tempo si è sospettato che copiare il linguaggio del corpo degli altri aumentasse la nostra gradevolezza, l'ipotesi non è stata testata in modo rigoroso finché Chartrand e Bargh (1999) non hanno condotto una serie di esperimenti. Si posero tre domande:
PuntoL'imitazione avviene automaticamente, anche con gli estranei?
PuntoL'imitazione aumenta la gradevolezza?
PuntoLe persone empatiche esibiscono l'effetto camaleonte in misura maggiore?

(e inoltre: cos'ha tutto ciò a che vedere con l'ipnosi? Più avanti sull'argomento)

PuntoL'imitazione avviene automaticamente, anche con gli estranei?

Nel primo esperimento 78 partecipanti sono stati fatti chiacchierare con un compare degli sperimentatori, a cui era stato detto di variare i suoi manierismi in modo sistematico. Alcune volte sorridendo di più, altre toccandosi di più il viso e altre ancora dondolando di più il piede.

Risultati. Sì, i partecipanti hanno copiato il compare (per loro un estraneo) in modo naturale su tutte e tre le misure: tocco del viso, dondolio del piede e sorriso. Il tocco del viso è salito del 20%, ma l'aumento del dondolio del piede è salito del 50% quando i partecipanti sono stati ispirati da un altro "dondolatore".

PuntoL'imitazione aumenta la gradevolezza?

Nel secondo esperimento gli autori volevano vedere se tutto questo dondolare il piede e toccarsi il viso avessero un'utilità pratica o se fossero solo un sottoprodotto dell'interazione sociale.

Altri 78 partecipanti sono stati mandati in una stanza insieme a un estraneo (un altro compare degli sperimentatori) per discutere di una fotografia. Il compare ha imitato il comportamento di alcuni partecipanti, ma non di altri. Dopo ai partecipanti è stato chiesto quanto era loro piaciuto il compare con cui avevano chiacchierato e di attribuirgli un voto da 1 a 9.

Risultati. L'imitazione in effetti ha incrementato la gradevolezza. Quando il loro linguaggio non verbale veniva imitato, i partecipanti assegnavano al compare un voto medio di 6.62 per la gradevolezza e di 6.76 per la tranquillità. Quando non erano imitati i voti scendevano rispettivamente a 5.91 e 6.02. Si potrebbe obiettare che non è una differenza poi così grande, ma è pur sempre un effetto misurabile, che corrisponde a cambiamenti di comportamento così sottili che molti nemmeno riescono a notare.

PuntoLe persone empatiche mostrano l'effetto camaleonte in misura maggiore?

Siccome siamo tutti differenti, alcuni di noi esibiscono naturalmente livelli d'imitazione maggiori di altri. Ma quale potrebbe essere la predisposizione psicologica che favorisce tale comportamento?

Chartrand e Bargh hanno esaminato la disposizione ad assumere la prospettiva altrui.

A 55 studenti è stato chiesto di riempire un questionario che indagava la capacità di assumere prospettive diverse dalla propria e forniva una misura dell'empatia. Dopo sono stati fatti sedere di fronte a un compare che eseguiva gli stessi comportamenti d'imitazione già visti: dondolio del piede, sorriso, tocco del viso.

Risultati. I partecipanti con un livello alto di capacità di mettersi nei panni degli altri hanno mostrato un tocco del viso maggiore del 30% e un dondolio del piede maggiore del 50% rispetto agli altri. Le differenze di empatia, tuttavia, non hanno avuto alcun effetto, suggerendo così che l'imitazione sia probabilmente scatenata più dalla componente cognitiva della presa di prospettiva altrui che da quella emotiva dell'empatia.

PuntoEffetto camaleonte e ipnosi

Pare quindi che l'imitazione sia un comportamento che riscalda e facilita l'interazione sociale. Gli esperimenti appena visti suggeriscono che molti di noi lo fanno in certa misura e, come dicono le riviste patinate, incoraggia gli altri ad apprezzarci e a trovarci gradevoli.

Ma qual è la relazione fra rispecchiamento e ipnosi?

Un'influente teoria dell'ipnosi sostiene che in stato di trance la coscienza è indebolita e le suggestioni dell'ipnotista vengono eseguite automaticamente.

Questo appare un caso estremo di ciò che succede quando le persone rispecchiano il linguaggio non verbale dell'altro. In un certo senso, quando fra due persone c'è un reale feeling, avviene un allineamento armonico dei loro movimenti ed è come se si ipnotizzassero a vicenda.

Bibliografia:

Chartrand T, Bargh J A, 1999. The chameleon effect: The perception–behavior link and social interaction. Journal of Personality and Social Psychology. Vol 76(6). 893-910

J. Dean. 2011. The Chameleon Effect.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it






Warning: file_put_contents(): Only 0 of 112 bytes written, possibly out of free disk space in /var/www/vhosts/giuseppesantonocito.it/httpdocs/prog/logger/log_access.php on line 18

Warning: Unknown: open(/tmp/sess_96584af613a6d464ca0bf05aedeffc8f, O_RDWR) failed: No space left on device (28) in Unknown on line 0

Warning: Unknown: Failed to write session data (files). Please verify that the current setting of session.save_path is correct () in Unknown on line 0