Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
La cooperazione totale è impossibile, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - società

La cooperazione totale è impossibile

società - 15/02/11 - 17:30

Una situazione dove la maggioranza delle persone coopera non succede mai. Ciò si deve al fatto che esiste una notevole quantità d'individui che non coopera mai e quando la fa è in risposta alla decisione dei loro vicini di cooperare o meno, oppure sull'onda dell'umore del momento.

Una ricerca pubblicata questo mese dalla Universidad Carlo III di Madrid sulla rivista PloS ONE aveva per oggetto la cooperazione in natura in generale e fra gli uomini in particolare.

"Dal punto di vista dell'evoluzione è molto difficile capire perché dovremmo aiutare gli altri, quando il nostro interesse è aiutare noi stessi" dicono gli autori. Una delle conclusioni più sconcertanti dello studio è che esistono vari tipi di persone:
Puntoquelle che vorrebbero sempre aiutare il prossimo (circa il 5%);
Puntoquelle che non vorrebbero mai farlo (circa il 35%);
Puntoe infine quelle che cooperano a seconda dell'umore o di come si sono comportati in passato i loro vicini (circa il 60%).

"Siamo stati in grado di provare che in generale le decisioni che riguardano la cooperazione non riflettono tanto incentivi economici o di altro tipo, quanto piuttosto se gli altri individui con cui si sta interagendo cooperano o no."

I risultati di questo studio hanno implicazioni in fisica, economia, psicologia, matematica e informatica e potrebbero avere ricadute pratiche. Ad esempio, potrebbero essere utilizzati per migliorare la collaborazione e il lavoro dei gruppi che si occupano d'innovazione, gruppi di persone o imprese che perseguono di comune accordo degli obiettivi, investono risorse economiche o creano conoscenza.

"In questi casi è indispensabile diffondere un clima di cooperazione fra i partecipanti, pena la demotivazione e il decadimento in un clima sfavorevole."

PuntoL'esperimento

La questione era capire se in un dilemma dove scegliere se cooperare o no con altre persone connesse in rete, fosse possibile raggiungere uno stato in cui tutte o la maggior parte delle persone avesse deciso di collaborare. Le teorie esistenti e le simulazioni al computer non fornivano predizioni univoche, anzi, erano spesso contraddittorie, così gli scienziati hanno deciso d'impiegare persone vere in una situazione realistica. A questo scopo, a degli studenti volontari è stato chiesto d'interagire con altre persone sconosciute attraverso dei computer.

Fra le istruzioni date in consegna ai 169 partecipanti dell'esperimento, uno dei più vasti condotti finora nel campo dell'economia sperimentale, vi era il divieto di usare parole come cooperazione, tradimento e fregatura, per evitare d'indurre comportamenti indesiderati. Al posto delle parole venivano usati dei colori. A ogni tornata, un giocatore riceveva determinati benefici conseguenti alla sua scelta e a quella dei suoi vicini, e veniva informato di ciò che loro facevano e quanto avevano vinto.

L'interazione è stata ripetuta diverse volte e in due situazioni diverse: in una i vicini erano sempre gli stessi, mentre nell'altra cambiavano a ogni tornata (o "mano").

"In questo modo" concludono gli autori "siamo stati in grado di confrontare i risultati fra quando c'era una rete stabile di vicini e quando invece era assente e gli individui dovevano interagire con degli sconosciuti".

Il risultato è stato, appunto, che per la maggior parte degli individui decidere di cooperare o meno dipende da cosa hanno fatto prima quelli con cui si sta interagendo. E per una percentuale non trascurabile di persone (5%) il problema nemmeno si pone: la parola collaborare non fa parte del loro vocabolario.

Bibliografia

J. Grujić, C. Fosco, L. Araujo, J. A. Cuesta, A. Sánchez. 2010. Social Experiments in the Mesoscale: Humans Playing a Spatial Prisoner's Dilemma. PLoS ONE.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it