Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Cosa pensa di te lo psicologo



Cosa pensa di te lo psicologo




Psicoterapia - 18/01/11

Andare dallo psicologo può essere una scelta dura. Alzare il telefono è difficile, andare al primo appuntamento ancora più difficile, aprirsi e parlare di sé per alcuni può addirittura essere una sfida.

Devo dire, tuttavia, che raramente le persone che vengono da me mi raccontano quanto è stato difficile superare la prima seduta. Forse perché in terapia breve strategica si usa la comunicazione in modo da lasciare l'altro il più a suo agio possibile. In tal modo, se qualche difficoltà c'era, una volta iniziato ci se ne dimentica completamente.

Tuttavia una delle preoccupazioni più comuni del neo-paziente in psicoterapia è: "Cosa penserà di me lo psicologo?"

La lista di seguito articola meglio questa domanda:
PuntoRiderà di me, perché la mia situazione è così imbarazzante. Se sei donna, ricorda della prima volta che andasti dal ginecologo. Eri nervosa e qualche persona più anziana ti diceva di non preoccuparti, perché tanto il dottore ne ha viste di tutti i colori e anche peggio. È la stessa cosa per lo psicologo. Ne abbiamo sentite tante, molte più di quante puoi immaginare. È probabile che il tuo problema, per quanto ti risulti imbarazzante, non ci spaventerà. Fa parte del nostro lavoro ascoltare le questioni che i pazienti ci portano e trattarle in modo professionale, che sia d'aiuto e non giudicante.
PuntoSpiffererà a tutti le mie faccende. Una delle cose belle dello psicologo è che, tranne rarissime eccezioni, ciò che gli viene raccontato rimane confidenziale, solo fra tu e lui e nessun altro. Né il tuo fidanzato, la tua mamma, migliore amica o coniuge potranno mai saperne niente.
PuntoPenserà che sono una persona orribile. Tutti facciamo errori, scelte sbagliate e cose di cui ci pentiamo. Ma la maggior parte degli psicologi non perde tempo a giudicare i propri pazienti. Sono troppo impegnati ad ascoltare ciò che hai da dire, a elaborare risposte utili da darti e a stabilire il ritmo e il passo della seduta.
PuntoPenserà che sono pazzo e mi farà rinchiudere. Facendo il nostro lavoro si vedono persone con ogni sorta di problema mentale, ma nessuno di noi si sogna di diagnosticarle come "pazze" e non teniamo camicie di forza nascoste nell'armadio. Le rarissime volte in cui assistiamo a dei ricoveri forzati sono quelle in cui esiste imminente pericolo per lo stesso paziente o per altre persone. Ma certo non perché si sono lasciati e ripresi 6 o 7 volte con la stessa donna, perché odiano la madre o perché vogliono licenziarsi per andarsene ai Tropici.

Insomma, lo psicologo c'è per ascoltare e aiutare, non giudicare. Quindi puoi tranquillamente sentirti al sicuro nel suo studio. E se non lo sei, gliene devi parlare o rivolgerti a qualcun altro.

Bibliografia

S. Smith. 2010. Your Mind Your Body. American Psychological Association.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni