Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
L'autolesionismo non è riconosciuto in molti giovani con disturbi alimentari, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - alimentazione

L'autolesionismo non è riconosciuto in molti giovani con disturbi alimentari

alimentazione - 28/11/10 - 15:42

Un numero allarmante di giovani che già si trovano a combattere contro i DCA (disturbi del comportamento alimentare) si tagliano, e alle interviste diagnostiche questi comportamenti autolesionistici spesso passano inosservati, secondo un nuovo studio.

È emerso che circa il 40,8% dei pazienti con DCA ha avuto episodi documentati in cui s'nfliggevano delle ferite, spesso per taglio o bruciatura. E dato che lo screening è inadeguato, tale percentuale è probabilmente più alta.

"Questi sono numeri molto alti, eppure sono conservativi" dice il capo dello studio, R. Peebles, insegnante di pediatria a Stanford, dov'è stata condotta la ricerca.

Peebles afferma che i clinici spesso non fanno domande al riguardo, nelle interviste di routine ai giovani. "Chiediamo al 97% dei ragazzi da 12 anni in su se fumano, e quindi dovremmo chiedere di prassi anche se si fanno del male" aggiunge.

Sono stati esaminati i dati d'ammissione di 1.432 ragazzi fra 10 e 21 anni, internati in ospedale per DCA dal 1997 al 2008. Circa il 90% dei pazienti erano femmine, 3/4 delle quali di razza bianca e di età media 15 anni. Nel 40,8% identificato come autolesionista, l'età media era 16 anni. Molte di queste pazienti aveva una storia di abbuffate e consumo di lassativi o vomito autoindotto, e l'85,2% di chi si faceva del male intenzionalmente lo faceva per taglio.

I ricercatori hanno anche scoperto che un po' meno della metà dei clinici aveva chiesto ai ragazzi se si facessero del male ma che, se non lo avessero chiesto, difficilmente avrebbero ricevuto tale informazione spontaneamente.

Coloro a cui la domanda è stata fatta apparteneva allo stereotipo dell'autolesionista: ragazza bianca, bulimica o con una storia di abuso di sostanze. Peebles si chiede: "Stiamo lasciando fuori altri giovani che non appartengono a questo profilo? Quando vediamo un bambino di 12 anni, dall'aspetto innocente, è difficile che ci venga in mente di chiedergli se si fa del male. Quindi, dobbiamo migliorare e mettere a punto le nostre interviste di screening generale.

Bibliografia

R. Peebles, J. Lock. 2010. Self-injury behavior not recognized in many youths with eating disorders. Stanford University Medical Center.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it