Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
La luce di notte può provocare depressione, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - depressione

La luce di notte può provocare depressione

depressione - 22/11/10 - 13:00

L'esposizione a un'illuminazione tenue durante la notte è sufficiente per provocare cambiamenti nel cervello delle cavie da laboratorio che potrebbero essere associati alla depressione, secondo un nuovo studio.

È stato visto che cavie esposte a luce tenue ogni notte per 8 settimane, hanno mostrato cambiamenti significativi nell'area cerebrale nota come ippocampo. Tale evidenza è stata riscontrata per la prima volta in assoluto.

"Anche una luce notturna molto tenue è sufficiente per provocare sintomi depressivi nei criceti, che potrebbero essere spiegati dai cambiamenti che abbiamo riscontrato a livello cerebrale" dice T. Bedrosian, coautore dello studio e dottoranda in neuroscienze alla Ohio State University.

I risultati sono significativi, perché l'intensità di luce utilizzata nell'esperimento non era alta: 5 lux, l'equivalente di una televisione accesa in una stanza buia.

"Uno si sarebbe aspettato risultati sorprendenti dall'aver sparato addosso a questi criceti luci forti e intense, ma quelle che abbiamo usato noi erano davvero basse, tipo quelle che la maggior parte delle persone può aspettarsi, durante la notte".

Metà delle cavie sono state sottoposte a un ciclo standard di 16 ore di luce diurna (150 lux) e 8 ore di buio totale. L'altra metà è stata invece sottoposta a un ciclo di 16 ore di luce diurna (150 lux) e 8 ore di luce bassa (5 lux).

Dopo 8 settimane, tutte le cavie sono state testate per vedere se riportavano sintomi depressivi. Questi test sono gli stessi che le case farmaceutiche utilizzano per testare gli antidepressivi e i farmaci antiansia negli animali, prima della sperimentazione sull'uomo.

Uno di questi test, ad esempio, misura la quantità di acqua zuccherata che l'animale beve. I topi generalmente amano l'acqua zuccherata, ma quelli con sintomi depressivi ne bevono meno, presumibilmente perché non ricavano più piacere dalle attività che di solito gradiscono.

I risultati hanno mostrato che le cavie alloggiate in condizione di luce notturna tenue hanno mostrato più sintomi depressivi di quelle sottoposte al ciclo standard luce-buio. Ed esaminando i loro cervelli, i ricercatori hanno visto che i topi "depressi" mostravano una riduzione significativa delle spine dendritiche nell'ippocampo, collegamenti sottilissimi che servono per scambiare messaggi fra cellule cerebrali.

"L'ippocampo gioca un ruolo centrale nel disturbo depressivo, perciò aver riscontrato queste modificazioni è significativo" dice Bedrosian.

I ricercatori non hanno rilevato differenze significative riguardo ai livelli di cortisolo (ormone dello stress). Ciò è importante, perché anche i livelli di ormoni come il cortisolo sono stati visti essere causa di modificazioni nell'ipocampo.

"Per quanto ne sappiamo, questo è l'unico studio ad aver dimostrato che la luce di notte è uno stimolo sufficiente a provocare cambiamenti nell'ippocampo", dice l'autore.

Come può la luce notturna modificare il cervello?

Gli studiosi ritengono che ciò si debba al ruolo della melatonina. La luce notturna ne sopprime la produzione e, in tal modo, il corpo non riusce più a capire se è notte o giorno.

Bibliografia

R. Nelson, T. Bedrosian et al. 2010. Light at night causes changes in brain linked to depression. Ohio State University.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it