Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
La luce di notte può provocare depressione



La luce di notte può provocare depressione




Depressione - 22/11/10

L'esposizione a un'illuminazione tenue durante la notte è sufficiente per provocare cambiamenti nel cervello delle cavie da laboratorio che potrebbero essere associati alla depressione, secondo un nuovo studio.

È stato visto che cavie esposte a luce tenue ogni notte per 8 settimane, hanno mostrato cambiamenti significativi nell'area cerebrale nota come ippocampo. Tale evidenza è stata riscontrata per la prima volta in assoluto.

"Anche una luce notturna molto tenue è sufficiente per provocare sintomi depressivi nei criceti, che potrebbero essere spiegati dai cambiamenti che abbiamo riscontrato a livello cerebrale" dice T. Bedrosian, coautore dello studio e dottoranda in neuroscienze alla Ohio State University.

I risultati sono significativi, perché l'intensità di luce utilizzata nell'esperimento non era alta: 5 lux, l'equivalente di una televisione accesa in una stanza buia.

"Uno si sarebbe aspettato risultati sorprendenti dall'aver sparato addosso a questi criceti luci forti e intense, ma quelle che abbiamo usato noi erano davvero basse, tipo quelle che la maggior parte delle persone può aspettarsi, durante la notte".

Metà delle cavie sono state sottoposte a un ciclo standard di 16 ore di luce diurna (150 lux) e 8 ore di buio totale. L'altra metà è stata invece sottoposta a un ciclo di 16 ore di luce diurna (150 lux) e 8 ore di luce bassa (5 lux).

Dopo 8 settimane, tutte le cavie sono state testate per vedere se riportavano sintomi depressivi. Questi test sono gli stessi che le case farmaceutiche utilizzano per testare gli antidepressivi e i farmaci antiansia negli animali, prima della sperimentazione sull'uomo.

Uno di questi test, ad esempio, misura la quantità di acqua zuccherata che l'animale beve. I topi generalmente amano l'acqua zuccherata, ma quelli con sintomi depressivi ne bevono meno, presumibilmente perché non ricavano più piacere dalle attività che di solito gradiscono.

I risultati hanno mostrato che le cavie alloggiate in condizione di luce notturna tenue hanno mostrato più sintomi depressivi di quelle sottoposte al ciclo standard luce-buio. Ed esaminando i loro cervelli, i ricercatori hanno visto che i topi "depressi" mostravano una riduzione significativa delle spine dendritiche nell'ippocampo, collegamenti sottilissimi che servono per scambiare messaggi fra cellule cerebrali.

"L'ippocampo gioca un ruolo centrale nel disturbo depressivo, perciò aver riscontrato queste modificazioni è significativo" dice Bedrosian.

I ricercatori non hanno rilevato differenze significative riguardo ai livelli di cortisolo (ormone dello stress). Ciò è importante, perché anche i livelli di ormoni come il cortisolo sono stati visti essere causa di modificazioni nell'ipocampo.

"Per quanto ne sappiamo, questo è l'unico studio ad aver dimostrato che la luce di notte è uno stimolo sufficiente a provocare cambiamenti nell'ippocampo", dice l'autore.

Come può la luce notturna modificare il cervello?

Gli studiosi ritengono che ciò si debba al ruolo della melatonina. La luce notturna ne sopprime la produzione e, in tal modo, il corpo non riusce più a capire se è notte o giorno.

Bibliografia

R. Nelson, T. Bedrosian et al. 2010. Light at night causes changes in brain linked to depression. Ohio State University.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni

Warning: file_put_contents(): Only 0 of 111 bytes written, possibly out of free disk space in /var/www/vhosts/giuseppesantonocito.it/httpdocs/prog/logger/log_access.php on line 18