Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
I ribelli non ricevono applausi: la vittimizzazione da parte del gruppo, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - scuola

I ribelli non ricevono applausi: la vittimizzazione da parte del gruppo

scuola - 05/10/10 - 10:46

I bambini asociali e solitari, che rifiutano la compagnia degli altri, sono spesso oggetto di vittimizzazione da parte del gruppo. Si tratta di una forma di punizione, nel tentativo di stabilire un ordine sociale, ma può trattarsi anche di una risposta estrema per tenere sotto controllo i bulli.

Perché un gruppo possa sopravvivere, deve tenere sotto controllo i suoi membri. Gli individui ritirati in loro stessi minacciano il tessuto sociale del gruppo, ed è per questo che i bambini vengono vittimizzati, quando sono troppo solitari. Ma anche quando sono troppo forti. La vittimizzazione è una reazione a chiunque minacci l'armonia del gruppo.

Bukowski, autore di uno studio su questo fenomeno, fa notare che la parola "vittimizzazione" è relativa a "sacrificio", ossia il membro dissonante viene sacrificato a favore della sopravvivenza del gruppo.

Lo studio ha seguito 367 bambini e bambine di 5^ elementare, nelle scuole pubbliche di Montreal, in Canada. I ricercatori hanno analizzato i comportamenti di aggressione verbale e fisica fra i bambini. L'uso dell'aggressione secondo forme accettate dai pari, è critico ai fini del mantenimento del proprio status sociale e, di conseguenza, della propria dominanza. Alcune forme di aggressione sono tollerate dal gruppo, altre no.

Per individuare leader, vittime e bulli, ai bambini è stato chiesto di dare un voto agli altri bambini dello stesso sesso, riguardo a 17 differenti caratteristiche.

I bulli, ad esempio, sono stati caratterizzati come bambini "che dicono cose cattive degli altri alle loro spalle, che tengono apposta gli altri fuori dal loro gruppo, e che dicono ai loro amici che smetteranno di voler loro bene se non fanno ciò che vogliono".

Il leader è stato descritto come "qualcuno che gli altri bambini di solito seguono, che si comporta da leader, e che fa sempre a modo suo".

Le vittime, invece, sono "quelli che vengono picchiati dagli altri bambini, che vengono ignorati, e dei quali gli altri bambini dicono cose cattive alle spalle".

L'autore sostiene che genitori e insegnanti possono evitare che i propri bambini vengano vittimizzati, e impedire che i leader diventino dei bulli.

"Nessuno vuole incolpare le vittime, perciò genitori e parenti si focalizzano sempre sui bulli, ma è importante capire e trattare i sintomi e le dinamiche della vittimizzazione, e non solo le cause" dice Bukowski.

Per prevenire episodi di vittimizzazione e neutralizzare i bulli, gli insegnanti dovrebbero incentivare un ambiente basato sull'egualitarismo, dove il potere è condiviso, e incoraggiare i bambini più riservati a parlare e a farsi sentire.

Bibliografia

R. E. Adams, N. H. Bartlett, W. M. Bukowski. 2009. Peer Victimization and Social Dominance as Intervening Variables of the Link Between Peer Liking and Relational Aggression. The Journal of Early Adolescence.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it