Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Il cervello dello psicopatico cerca il piacere a ogni costo, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - neuroscienze

Il cervello dello psicopatico cerca il piacere a ogni costo

neuroscienze - 14/09/10 - 13:03

Il cervello degli individui psicopatici sembra essere fatto in modo da continuare a cercare il piacere e la ricompensa a qualunque costo. Questa ricerca svela il ruolo del sistema di ricompensa cerebrale dello psicopatico, e apre una nuova linea di studi per capire cosa motiva questi individui.

Lo studio sottolinea l'importanza della ricerca neurologica per capire il comportamento. E per questa categoria particolare di persone, la ricerca potrebbe aiutare a intervenire preventivamente prima che un tratto di personalità si trasformi in comportamento antisociale.

Gli psicopatici sono visti di solito come criminali a sangue freddo, che si prendono ciò che vogliono senza badare alle conseguenze. In effetti, questa ricerca ha trovato che un sistema di ricompensa dopaminergico iperattivo potrebbe stare alla base dei problemi legati alla psicopatia, come crimini violenti e abuso di sostanze.

Le precedenti ricerche sulla psicopatia si erano concentrate su ciò che allo psicopatico mancherebbe, come la paura, l'empatia e alcune abilità interpersonali. Al contrario, questa nuova ricerca analizza ciò che avrebbero in abbondanza, ovvero l'impulsività, la spinta verso il piacere e la ricompensa, e il rischio. Sono questi, i tratti più frequentemente associati al comportamento violento e criminale dello psicopatico.

Esiste una lunga tradizione di ricerca nella psicopatia basata sulla mancanza di sensibilità alle punizioni e l'assenza di paura, ma questi attributi non sono di per sé buoni predittori di violenza e comportamento criminale, spiega uno degli autori. I nuovi dati suggeriscono piuttosto che questi individui sentirebbero una così forte attrazione verso la ricompensa - la carota - da sovrastare del tutto la sensibilità al rischio costituito dal bastone.

Utilizzando due distinti sistemi di neuroimaging, la PET e la risonanza magnetica funzionale, i ricercatori sono stati in grado di notare la sovrapponibilità degli schemi di attivazione dopaminergica rilevabili nel cervello degli psicopatici.

I soggetti erano tutti volontari, ai quali sono stati somministrati prima dei test di personalità per misurarne il livello dei tratti psicopatici. Questi tratti, come ogni altro, possono esistere lungo un continuum, dai livelli più alti del criminale violento a quelli più bassi della persona normale, che però può esibire comportamenti come egocentrismo, comportamento rischioso e manipolazione degli altri.

In un primo esperimento ai soggetti è stata somministrata una dose di amfetamina, un potente stimolante del sistema nervoso centrale. In accordo con l'ipotesi formulata, i soggetti che avevano mostrato attraverso i test i livelli più alti di tratti psicopatici, hanno avuto un rilascio di dopamina cerebrale 4 volte superiore rispetto agli altri soggetti.

Nel secondo esperimento ai soggetti è stato detto che avrebbero ricevuto una ricompensa in denaro per svolgere un semplice compito. I loro cervelli sono stati analizzati mentre eseguivano il compito, ed è stato rilevato che ad alti tratti psicopatici corrispondeva una maggior attivazione di alcune aree cerebrali implicate nel sistema dopaminergico (nucleus accumbens) quando stavano per pregustare la ricompensa in denaro.

Forse proprio a causa di questa peculiarità, una volta messa a fuoco la possibilità di una ricompensa, gli psicopatici sono incapaci di alterare la propria attenzione finché non hanno ottenuto ciò che vogliono. Non è che non apprezzino le minacce delle possibili conseguenze, è che la motivazione verso la ricompensa sovrasta in loro qualsiasi altro tipo di riflessione.

Bibliografia

J. W. Buckholtz, M. T. Treadway, R. L. Cowan, N. D. Woodward, S. D. Benning, R. Li, M. S. Ansari, R. M. Baldwin, A. N. Schwartzman, E. S. Shelby, C. E. Smith, D. Cole, R. M. Kessler & D. H. Zald. 2010. Mesolimbic dopamine reward system hypersensitivity in individuals with psychopathic traits. Nature Neuroscience.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it