Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
I ricordi infantili sul padre influenzano fortemente la resistenza dell'uomo allo stress, Psicologo Firenze, Novità & commenti
   
Chiama questo numero per informazioni su psicologo Firenze

novità & commenti - sviluppo

I ricordi infantili sul padre influenzano fortemente la resistenza dell'uomo allo stress

sviluppo - 07/09/10 - 12:29

I figli che hanno ricordi entusiasti dei loro padri hanno più probabilità di essere emotivamente stabili da adulti, malgrado gli stress quotidiani.

La maggior parte degli studi che indagano l'influenza dei genitori sui figli si concentra sulla relazione con la madre, e su come questa influenzi lo stato emotivo del bambino.. Ma la nuova ricerca dimostra che il padre gioca un ruolo unico e importantissimo sull'equilibrio mentale dei figli maschi, in età molto più tarda.

912 adulti ambosessi sono stati sottoposti a una breve intervista telefonica, dove dovevano descrivere i loro ultimi 8 giorni in termini di stress psicologici ed emotivi, ovvero se si sentissero nervosi, depressi, tristi ecc. L'intervistatore ha indagato poi su eventuali eventi stressanti occorsi in quei giorni, come litigi, disaccordi e tensioni nella sfera lavorativa o familiare.

I partecipanti, di età compresa tra 25 e 74 anni, hanno poi riferito sulla qualità delle loro relazioni con la madre e il padre. Per esempio, rispondevano a domande come: "Come valuteresti la qualità della relazione con tua madre, durante gli anni in cui stavi crescendo?" e "Quanto tempo e attenzione ti dedicava tua madre, quando ne avevi bisogno?"

Le stesse domande sono state fatte a proposito del padre.

I ricercatori hanno elaborato i dati raccolti per escludere effetti dovuti all'età, al reddito e alla posizione socioeconomica attuale e durante l'infanzia, nevroticismo, e se i genitori fossero o meno ancora in vita.

Più uomini rispetto alle donne hanno dichiarato che il rapporto con la madre era migliore di quello con il padre. Coloro che hanno riferito un buon rapporto con la madre avevano un 3% in meno di stress psicologici, in confronto a quelli che riferivano una cattiva relazione.

Fin qui, i risultati non sarebbero sorprendenti, dato che decenni di ricerca hanno stabilito che la madre è la principale figura di conforto, per il bambino, e che la qualità della relazione con essa può essere importante.

La cosa si fa invece interessante analizzando il rapporto fra la qualità della relazione che le persone hanno avuto con il padre, e la loro reazione agli stress di ogni giorno.

Gli uomini che hanno riferito una buona relazione con il padre durante l'infanzia si sono dimostrati più abili a reagire con meno emotività alle situazioni stressanti quotidiane, rispetto a quelli che riferivano una cattiva relazione. Ma questo non sarebbe così comune per le donne, come invece sarebbe per gli uomini.

Inoltre, la qualità della relazione con entrambi i genitori era significativamente associata al numero di eventi stressanti cui i partecipanti si trovavano di fronte ogni giorno. In altre parole, chi ha avuto una cattiva relazione sia con il padre che con la madre, ha riferito più eventi stressanti negli 8 giorni che costituivano lo studio, in confronto a chi ha avuto una buona relazione con entrambi.

L'interpretazione dei risultati da parte dei ricercatori è che, probabilmente, chi ha avuto genitori attenti e  presenti dispone di un migliore equipaggiamento, in termini d'esperienza e riferimenti passati, per fronteggiare le situazioni stressanti.

È difficile tuttavia trovare un punto di vista teorico, concreto e convincente, del perché la reazione emotiva agli stress nell'uomo sarebbe specialmente influenzata dalla relazione con il padre, anche tenendo conto che lo studio era rivolto a persone di tutte le età e distribuite uniformemente su tutto il territorio degli Stati Uniti.

Il ruolo del padre è cambiato notevolmente dai tempi in cui i partecipanti più anziani erano bambini, dicono gli autori. Eppure, dev'esserci qualcosa, mantenutosi costante durante tutti questi anni, che rende unico il modo d'interagire del padre con il figlio.

Bibliografia

M. Mallers et al. 2010. American Psychological Association. Childhood memories of father have lasting impact on men's ability to handle stress.



Lascia il tuo commento:

I commenti sono visualizzabili liberamente dai visitatori, ma per inserirli è necessario fare il login dopo aver completato la procedura di registrazione.



psicoterapia e consulenza breve

Psicologo Firenze e Signa, Psicoterapia breve e consulenza psicologica


Può trattarsi di attacchi di panico, disturbi alimentari, della cura della depressione, di una coppia di genitori che non riesce a comunicare con il figlio adolescente. O di una terapia di coppia per incomprensione fra partner. O del ragazzo che a scuola non rende come dovrebbe e ha difficoltà a fare nuove amicizie. Oppure di qualcuno che non soffre di una patologia, ma avrebbe bisogno di consulenza od orientamento su una questione specifica.

Psicoterapia breve e consulenza psicologica a Firenze e Signa

Alcune persone si rassegnano a combattere per anni con questi problemi, oppure se ne ritrovano all'improvviso sopraffatte senza aspettarselo. "Tanto capita sempre agli altri".

A volte si è riluttanti all'idea di cercare aiuto per sbarazzarsi delle sensazioni, degli stati emotivi e dei pensieri che tengono bloccati, impedendo di progredire.

Nei miei studi di psicologo a Firenze e Signa, questo è un commento frequente che ascolto: "Sa, dottore, per me è stato così difficile decidermi a venire... l'ho fatto proprio perché non potevo farne a meno, altrimenti non sarei venuto".

Se questo è il tuo dilemma, ecco una semplice domanda. Quale delle due alternative è preferibile:

1.non cercare aiuto, e continuare a tentare di risolvere il problema nello solito modo, anche se finora non ha funzionato, oppure:
2.cercare l'aiuto professionale di un esperto, dando a se stessi una nuova possibilità?

A questo proposito la ricerca dice che le persone che cercano aiuto per le difficoltà psicologiche stanno meglio dell'80% di coloro che non lo fanno e che i cambiamenti ottenuti sono durevoli (Lambert e altri, 2002).

Scopri come la terapia breve strategica può aiutarti a migliorare le relazioni con le altre persone, risolvere i problemi psicologiche e personali e migliorare la qualità della vita.

Giuseppe Santonocito è psicologo psicoterapeuta e riceve a Firenze e Signa, vedi la sezione contatti.

Altri comuni limitrofi serviti sono Calenzano, Campi Bisenzio, Carmignano, Empoli, Fiesole, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, Poggio a Caiano, Prato, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Leggi ulteriori informazioni sull'intervento.

Leggi anche l'articolo sul problem solving strategico.

Bibliografia:

Lambert M J, Vermeersch D A, 2002. Effectiveness of Psychotherapy. In Elsevier Encyclopedia of Psychotherapy, 709-714, Elsevier Science, USA.



Contatta lo psicologo

I campi contrassegnati dall'asterisco sono richiesti.

Richiesta:  * 
 
Nome:  * 
 
Cognome:  * 
 
Email:  * 
 
Note:  

Codice di sicurezza - Che cos'è?Inserisci il codice di sicurezza visualizzato * 

Autorizzo il trattamento di questi dati ai sensi della Legge 196/03 sulla riservatezza.





Dove riceve Giuseppe Santonocito

Psicologo Firenze
Centro Italiano Fertilità e Sessualità S.r.l.

Via della Fortezza 6 - 50129 Firenze
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze: C.I.F.S. Via della Fortezza 6

Psicologo Firenze
Studio privato a Signa

Via della Manifattura 7/A - 50058 Signa (FI)
tel. 329 4073565

Clicca sulla mappa per aprirla:

Psicologo Firenze, studio di Signa: Via della Manifattura 7/a



leggi tutti gli articoli, le novità e i commenti


Tutte le novità e i commenti



articoli monografici


PuntoPsicologia clinica
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia del lavoro/organizzazioni
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto

PuntoPsicologia in generale
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto
Punto



su medicitalia.it

Giuseppe Santonocito risponde gratuitamente su:

Medicitalia.it