Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Pericolo e attrazione sessuale



Pericolo e attrazione sessuale




Evoluzione - 20/08/10

Una ricerca del 2007 riporta che nei momenti di pericolo, le femmine preferirebbero accoppiarsi con un maschio capace di evitar loro gli attacchi dei predatori.

La tradizionale spiegazione dell'esistenza di sistemi di segnalazione sessuale, come la sgargiante coda del pavone, era che i maschi capaci di mettersi in mostra attraggono le femmine perché segnalerebbero loro una maggior capacità di prendersi cura della prole. La logica (inconsapevole) è questa: se un maschio con una coda così vistosa o un palco di corna così ingombrante come quello del cervo riesce a sopravvivere, significa che è sufficientemente forte da sfuggire o mettere in fuga i predatori.

La semplice esistenza di tali caratteri "esagerati" costituirebbe quindi, per la femmina, una prova di forza del maschio.

La novità di questo studio sta nell'aver portato evidenze che la femmina sarebbe maggiormente attratta dai maschi che segnalano capacità d'incrementare le probabilità di sopravvivenza della stessa femmina.

In altre parole, la femmina sceglie il maschio in base ai benefici che questi può apportare non solo alla prole, ma anche a lei direttamente.

Bibliografia

Tae Won Kim, John H. Christy, Jae C. Choe. 2007. A preference for sexual signal keeps females safe. Public Library of Science.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni