Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Misurare la mente suicida



Misurare la mente suicida




Depressione - 29/06/10

Dopo il suicidio di un amico o un parente, ai familiari e agli amici restano domande dolorose: "Perché l'ha fatto?", "Perché non è stato aiutato?". E la più problematica di tutte è: "C'era qualcosa che avrei potuto fare, per evitarlo?"

Le persone che meditano il suicidio tendono a nasconderlo, e negano di avere tali pensieri, perciò può essere difficile identificare i segnali di pericolo. Anche un clinico esperto a volte non riesce a coglierli, e gli studiosi cercano da tempo un metodo affidabile per predire il rischio suicidio.

Uno psicologo di Harvard e colleghi hanno riadattato il test delle associazioni implicite (IAT) per misurare le associazioni fra parole relative al rischio suicidio, e la tecnica si è rivelata significativamente efficace nel predire tale atto.

Lo IAT è molto usato per misurare le associazioni che le persone fanno automaticamente fra concetti. Al soggetto sono mostrate delle coppie di parole, e a seconda di quanto velocemente si risponde, si ha una misura della forza dell'associazione.

Nella versione IAT usata in questo studio i partecipanti ricevevano stimoli su concetti associati alla vita (come "respiro"), alla morte (come "morto"), e alle persone (come "me" o "loro"). Risposte alla coppia "morte / me" più veloci che a "vita / me" suggeriscono un'associazione più forte fra la morte e se stessi.

I partecipanti erano tutti pazienti psichiatrici d'emergenza. Hanno completato lo IAT e vari altri test di valutazione psichiatrica. Le loro cartelle cliniche sono poi state esaminate 6 mesi dopo, per verificare quanti di loro avevano tentato il suicidio.

I risultati rivelano non solo che i pazienti che si erano presentati allo sportello psichiatrico d'emergenza dopo un tentativo di suicidio ritenevano un'associazione più forte fra i concetti "morte / me" rispetto ad altri pazienti psichiatrici, ma anche che i partecipanti con questa forte associazione hanno mostrato significativamente più probabilità di tentare il suicidio nei 6 mesi successivi all'esperimento.

Bibliografia

Matthew K. Nock, Jennifer M. Park, Christine T. Finn, Tara L. Deliberto, Halina J. Dour, Mahzarin R. Banaji. Measuring the Suicidal Mind: Implicit Cognition Predicts Suicidal Behavior. Psychological Science, 2010.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni

Warning: file_put_contents(): Only 0 of 111 bytes written, possibly out of free disk space in /var/www/vhosts/giuseppesantonocito.it/httpdocs/prog/logger/log_access.php on line 18