Questo sito può funzionare solo con JavaScript abilitato.
Verificate nel vostro browser le opzioni di abilitazione di JavaScript.

www.giuseppesantonocito.it
Rischio genetico verso l'uso di sostanze può essere neutralizzato dal supporto genitoriale



Rischio genetico verso l'uso di sostanze può essere neutralizzato dal supporto genitoriale




Sviluppo - 24/12/09

Un fattore di rischio genetico che predispone all'uso di sostanze può essere neutralizzato da un alto livello di coinvolgimento e supporto da parte dei genitori, secondo uno studio della University of Georgia.

Lo studio è il primo a esaminare nel tempo un gruppo di giovani, per scoprire come il fattore di rischio genetico interagisce con l'ambiente nell'influenzarne il comportamento.

"Abbiamo trovato che dei genitori attenti e supportivi possono sconfiggere completamente il rischio genetico verso l'uso di sostanze stupefacenti", dice il coautore G. Brody, professore alla UGA. "Questo è un risultato molto incoraggiante, che mostra tutto il potere dell'educazione ricevuta in famiglia."

Brody e i suoi colleghi, che includono psicologi e psichiatri, si sono focalizzati sul gene noto come 5HTT coinvolto nel trasporto della serotonina cerebrale. La maggior parte delle persone hanno due copie della versione lunga del gene, ma gli individui con una o due copie della versione corta del gene sono stati riscontrati in diversi studi come più predisposti verso il consumo di alcool e altre sostanze, e con livelli maggiori d'impulsività e comportamenti a rischio.

I ricercatori hanno intervistato 253 famiglie afro-americane nella Georgia rurale, su un periodo di 4 anni. Dopo aver ottenuto il consenso informato dai genitori, ne hanno raccolto campioni di saliva per effettuare i test genetici.

I ricercatori hanno visto che circa il 60% del campione aveva due copie della versione lunga del gene, mentre il restante 40% aveva una o due copie della versione corta, che fa aumentare il rischio.

Come ci si aspettava, l'uso di sostanze è stato basso all'età di 11 anni ed è aumentato via via con l'età. A 14 anni il 21% dei giovani aveva fumato sigarette, il 42% faceva uso di alcool, il 5% beveva fortemente e il 5% faceva uso di hashish.

Fra i giovani ad alto rischio genetico, quelli che hanno ricevuto bassi livelli di supporto dai genitori hanno aumentato l'uso di sostanze a una velocità 3 volte maggiore di quelli che hanno ricevuto alti livelli di supporto. Ma il dato più importante è che fra tutti i giovani che hanno ricevuto un alto livello di supporto dai genitori, la differenza nell'uso di sostanze è stata trascurabile indipendentemente dal fattore di rischio genetico.

"Nelle famiglie caratterizzate da relazioni buone e stabili fra genitori e figli, l'effetto del rischio genetico è essenzialmente nullo", dice S. Beach, coautore e professore di ricerca emerito al Dipartimento di Psicologia della UGA. "Con questo studio e altri precedenti che si sono focalizzati su altri fattori di rischio, come la povertà, abbiamo trovato che in molti casi la maniera migliore di aiutare i ragazzi è aiutare le famiglie a diventare più resilienti."

Il supporto genitoriale è uno strumento potente e relativamente semplice da usare. Alcuni esempi: passare regolarmente del tempo con i figli, comunicare con loro per capire cosa fanno, fornire supporto emotivo e aiutarli nei loro compiti.

Bibliografia

G. Brody, S. Beach et al. 2009. University of Georgia. Genetic Risk For Substance Use Can Be Neutralized By Good Parenting.
CONDIVIDI

         


Categorie:




Articoli recenti:


Società 13/12/18
Società 14/08/18
Video 28/06/18


Archivi:




Se ti è piaciuto il contenuto di questa pagina, invia la tua email per restare aggiornato tramite newsletter:







Link:

MAPPA DEL SITO

PRIVACY POLICY
Mi trovi su:

FACEBOOK

TWITTER

LINKEDIN
Usiamo i cookies ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) per rendere più personale la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione nel sito o cliccando "Accetto" darai automaticamente il tuo consenso.


Accetto


Cliccare qui per ulteriori informazioni